Cina lancia satellite Gaofen-14 con telerilevamento ottico in orbita

La Cina anni avanti agli USA sulla corsa dello Spazio

0
1113
Cina lancia satellite Gaofen-14

La Cina lancia in orbita, con successo, il satellite di telerilevamento ottico Gaofen-14. Ha dichiarato la China Space Science and Technology Corporation (CASC). Secondo una dichiarazione pubblicata, sulla pagina ufficiale della società, il lancio del satellite è effettuato alle 11:58 ora locale della provincia sud-occidentale del Sichuan. L’attuale lancio è diventato il 354° lancio per i razzi della serie Chancheng.

Per quale tipo di missione la Cina lancia satellite Gaofen-14?

Gaofen-14 può rilevare in modo efficiente immagini stereo ad alta precisione a livello globale. Disegnare mappe topografiche digitali 3D su larga scala, produrre modelli altimetrici digitali, modelli di superficie digitali e immagini ortofoto digitali, e fornire informazioni geografiche di base. Il satellite Gaofen 14 è operativo nella sua orbita destinata posizionato a 500 km di quota e a 97,4° di inclinazione orbitale. La missione del satellite è quella dell’osservazione della superficie terrestre a tutte le latitudini e con qualunque condizione atmosferica. Il satellite fa parte del programma CHEOS, China High-resolution Earth Observation System, a cui appartengono oltre ai sistemi spaziali, anche sistemi aerotrasportati e stazioni di terra. Questo satellite farà anche da supporto all’iniziativa cinese della Nuova Via della Seta.

Qualli sono le sfide che la Cina affronterà nel prossimo futuro?

Nel dicembre 2020 la Cina non solo studia la luna con successo, ma addirittura lancia satellite Gaofen-14. Basta ciò per capire che la Cina sta sviluppando attivamente il programma spaziale nazionale. Sviluppando satelliti meteorologici, di telecomunicazione e di navigazione. Nonché tecnologie per l’esplorazione lunare. All’inizio di agosto, gli scienziati cinesi hanno lanciato il primo progetto nazionale di esplorazione di Marte. Intendono iniziare uno studio intensivo della sua superficie nel prossimo futuro. Tra i programmi cinesi promettenti ci sono lo studio degli asteroidi e l’estrazione di minerali su di essi. Attualmente Russia e Cina si giocano il primato per la corsa nello Spazio, lasciando USA anni indietro.

La missione lunare cinese è un totale successo

Il modulo per il decollo del veicolo cinese di rientro “Chang’e-5” aggancia con successo i moduli orbitali di rientro. Caricando i campioni di terreno lunare su di esso senza nessuna avaria segnalata. Dopo che il modulo di rientro è entrato in orbita lunare, il modulo di rientro e il modulo orbitale si sono avvicinati ad esso e hanno completato il processo di attracco con il metodo “pickup”. Il 3 dicembre il modulo di decollo, dopo aver raccolto campioni di terreno, si è sollevato con successo dalla superficie lunare ed è entrato nell’orbita designata. Il 1° dicembre Chang’e 5 è atterrato con successo nell’area designata della Luna per la successiva raccolta di dati e campioni di terreno. Il luogo di atterraggio si trovava a nord di Rümker Peak, nella regione del più grande mare lunare. Ossia, l’Oceano delle tempeste, nella parte nord-ovest della parte visibile della Terra.


Chang’e-5: la sonda cinese sbarca sulla Luna