Cina: accelera le approvazioni per nuove centrali a carbone

0
372
Cina accelera le approvazioni

La Cina accelera le approvazioni per le nuove centrali a carbone, nonostante l’impegno a ridurre le emissioni entro il 2030. Pechino, il più grande produttore e utilizzatore di carbone del mondo, aveva promesso di iniziare a tagliare i consumi, nel periodo 2021-2025. 

La Cina accelera le approvazioni per nuove centrali a carbone?

La Cina è il più grande emettitore mondiale di gas serra, principale causa del riscaldamento globale. E lo scorso anno il presidente Xi Jinping aveva promesso di ridurre gradualmente l’uso del carbone come parte di una serie ambiziosa di impegni nazionali sul clima. Sebbene la Cina stia accelerando la produzione di energia eolica e solare, le crescenti preoccupazioni per l’approvvigionamento energetico – guidate in parte da un’ondata di interruzioni di corrente lo scorso settembre – hanno innescato un aumento delle approvazioni per le nuove centrali a carbone. Con le autorità provinciali che mirano a risolvere le carenze nella produzione di energia locale. Tuttavia, i piani cinesi di produzione di energia a carbone sono stati il ​​principale punto di contesa durante i colloqui sul clima globale a Glasgow. Lo scorso anno. Dove i Paesi hanno deciso di ridurre gradualmente piuttosto che eliminare gradualmente l’uso globale del carbone.

Leggi anche – Stati Uniti-Cina: la battaglia per la supremazia dei semiconduttori

Politica energetica cinese

Secondo le previsioni del China Electricity Council pubblicate questo mese, la capacità totale di produzione di energia della Cina dovrebbe raggiungere i 3.000 GW entro il 2025. Con fonti di combustibili fossili pari al 49%. Il che implica un aumento di 261 GW dell’energia alimentata a carbone e gas naturale rispetto allo scorso anno. Tuttavia Wu Jinghan – attivista di Greenpeace a Pechino per il clima e l’energia – afferma che: “Costruire più capacità di alimentazione a carbone non fornirà sicurezza energetica alla Cina. In quanto ha una sovraccapacità di centrali elettriche a carbone. Le inadeguatezze derivano dalla scarsa integrazione di generazione, rete, carico e stoccaggio”. Mentre l’economia cinese si blocca a causa delle rigide politiche Covid e delle prolungate interruzioni della catena di approvvigionamento, le autorità stanno cercando di stimolare la crescita attraverso una massiccia spinta alla costruzione di infrastrutture. Che si basa in modo schiacciante sulla costruzione di centrali a carbone.