Colpo doppio per Diego Ulissi sul traguardo della quarta frazione, la tappa regina del Giro di Turchia con l’arrivo in salita a Selçuk. Il corridore della UAE – Team Emirates doma le rampe dell’ascesa finale e distanzia i suoi diretti rivali agguantando tappa e maglia turchese. Termina dunque l’egemonia di Sam Bennett (Bora – Hansgrohe) in questo Giro di Turchia, staccatosi dal gruppo quando mancavano 3,7 chilometri al traguardo.

Nei 200 metri finali, Ulissi stacca in progressione Jesper Hansen (Astana) e Daniel Felipe Martinez (Wilier Triestina – Selle Italia) riscattandoli rispettivamente di 5 e 9 secondi.

Con la vittoria ottenuta oggi Diego Ulissi è il nuovo leader del Giro di Turchia con 12” di vantaggio proprio su Jasper Hansen e 24” sul connazionale Fausto Masnada dell’Androni – Sidermec, oggi meritatamente quarto.

LA GARA. Dopo un inizio abbastanza tranquillo, dopo 30 chilometri dal via, sulle rampe del primo Gpm di giornata, fuoriesce dal gruppo la fuga di giornata composta da ben sei corridori, quattro dei quali italiani: Feritcan Samli (Turchia), Danilo Celano (Caja Rural – Seguros RGA), Alberto Cecchin (Wilier Triestina – Selle Italia), Ludovic Robert (WB Veranclassic Aqua Project), Alessandro Tonelli (Bardiamo – Csf) e Davide Ballerini (Androni – Sidermec). Ai meno 55 chilometri si rialzano Celano, Tonelli e Cecchin. Ora i fuggitivi sono tre con Samli, Robert e Ballerin.

Quando mancano 45 chilometri al termine in testa al gruppo risale posizioni la Bardiani – Csf, sollevando dall’incarico di controllare la gara la UAE – Team Emirates. Gli uomini del DS Roberto Reverberi alzano il ritmo pedalando pancia a terra e in pochissimi chilometri riprendono i fuggitivi. Con la situazione di gruppo compatto è la Wilier Triestina – Selle Italia a prendere le redini del gruppo sino alla prima rampa del Gpm di terza categoria.

D’ora in avanti la corsa la controllano e la gestiscono al meglio gli uomini della UAE Team Emirates capitanati da Diego Ulissi, prima con Vegard Stake Laengen, poi con Przemyslav Niemec. Il ritmo imposto dai due corridori è letale per le gambe del velocista della Bora – Hansgrohe Sam Bennett, costretto a staccarsi dal gruppo ai meno 3,7 chilometri.

A rompere gli indugi sull’imbocco della salita finale è il capitano della formazione turca locale Ahmet Örken, raggiunto però immediatamente da Andrea Vendrame (Androni – Sidermec). La coppia al comando viene subito risucchiata dallo scatto in prima persona di Diego Ulissi quando mancano oramai 2500 metri al traguardo. Il corridore originario di Cecina porta con sé altri quattro uomini, Jesper Hansen (Astana), Yonder Godoy e Daniel Felipe Martinez (Wilier Triestina – Selle Italia) e Fausto Masnada (Androni – Sidermec) formando un quintetto in testa alla corsa.

Dopo una serie di attacchi e contrattacchi ai meno 1000 metri perdono contatto Godoy e Masnada. Restano in tre al comando. Lo sprint ristretto lo regola Ulissi partendo dai 300 metri, con una progressione costante che non lascia scampo ad Hansen e Martinez. Per lui tappa e maglia.

 

CLASSIFICA GENERALE

  1. Diego ULISSI (UAE – Team Emirates) 19h00’50”
  2. Jesper HANSEN (Astana) +00:12″
  3. Fausto MASNADA (Androni Sidermec) +00:24″
  4. Daniel Felipe Martinez (Wilier – Selle Italia) +00:29″
  5. Yonder GODOY (Wilier – Selle Italia) +00:30″
  6. Ilda ARSLANOV (Gazprom – Rusvelo) +00:30″
  7. Francesco GAVAZZI (Andorni – Sidermec) +00:42″
  8. Gregor MÜHLBERBER (Bora – Hansgrohe) +00:45″
  9. Przemyslav NIEMEC (UAE – Team Emirates) +00:47″
  10. Andrey ZEITS (Astana) +00:50″
Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here