È tempo di ritornare in sella. Le trattative di mercato sono oramai alle spalle. Tutte le pedine sono a loro posto secondo i direttori sportivi. Non resta altro che far girare le gambe e cominciare.
La stagione ciclistica 2018 parte come sempre dall’emisfero sud, con il Santos Tour Down Under che si svolgerà in Australia dal 16 al 21 gennaio.

Numerosi sono stati i cambiamenti di maglia di coloro che saranno i protagonisti, non solo della competizione australiana, ma di questa stagione.
Per la corsa dei canguri non cambia il favorito numero uno: il pluricampione del mondo in carica Peter Sagan. Lo slovacco lo scorso anno ha totalizzato ben 3 secondi posti.
Occhi puntati anche sui padroni di casa che sempre hanno fatto bene nella loro corsa. Uno su tutti il tazmaniano Richie Porte, quest’anno affiancato in maglia BMC da un altro favoritissimo, Simon Gerrans. Il campione australiano ha cambiato casacca passando dall’Orica – Scott, attualmente Mitchelton-SCOTT – MTS, alla formazione statunitense rossonera.

Tutto sommato è una corsa per ruote veloci, con qualche asperità che non garantirà ai velocisti la vittoria della classifica generale. Rimane comunque l’occasione buona per mettere in mostra le qualità dei velocisti come il padrone di casa Caleb Ewan, portacolori della Mitchelton-Scott – Mts, lo stesso Sagan, dotato di più resistenza rispetto all’australiano. Riflettori puntati anche sul motivatissimo portacolori azzurro Elia Viviani che quest’anno ha cambiato aria passando dall’opaca esperienza del Team Sky (escluso da tutti e tre i grandi giri ndr.) alla Etixx – Quickstep Floors. Qui l’oro olimpico dell’omnium di Rio, ricaricato di stimoli, non dovrà deludere le aspettative, in quanto sostituirà un campione assoluto come Marcel Kittel, il quale ha totalizzato in maglia Etixx ben 12 vittorie lo scorso anno di cui 5 al solo Tour de France. Quest’anno è approdato al Team Katusha – Alpecin, sostituendo a sua volta Alexander Kristoff, trasferitosi nel Team UAE Emirates di Beppe Saronni.
Il russo non prenderà parte al Tour Down Under e le speranze del team arabo sono affidate alle ruote veloci ed eclettiche di Diego Ulissi affiancato dall’iridato Rui Costa.


Si parte dunque questa notte con la prima tappa totalmente pianeggiante da Port Adelaide a Lyndoch, percorrendo “solo” 145 chilometri.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here