Ciad: Macron e la posizione ambigua della Francia

0
219

Dopo la morte al fronte del presidente del Ciad Iddris Dèrby, Macron ha espresso un evidente sostegno alla successione di cui ha beneficato il generale Dèrby. Tuttavia la popolazione ha detto no alla Francia con la presenta di Macron ai funerali in Ciad. Il popolo del Ciad, il 27 aprile si è fatto sentire dai nuovi padroni del paese con l’irruzione della società civile ha avuto un risvolto tragico

Perchè la posizione della Francia in Ciad è ambigua?

Il popolo del Ciad ha espresso un doppio rifiuto nei confronti della transizione militare contraria alla costituzione e della successione “monarchica” dal sapore di un colpo di stato. Di fatto ora la posizione della Francia è fortemente ambigua. Dopo aver dichiarato il 24 aprile che Parigi non “permetterà a nessuno di minacciare il Ciad”, il 27 aprile Macron ha cambiato radicalmente tono. Parlando al fianco del presidente della Repubblica Democratica del Congo Félix Tshisekedi, Macron ha condannato la repressione dei manifestanti. Ha soprattutto dichiarato di non essere favorevole al “piano di successione”, prendendo le distanze in questo modo dal figlio di Déby.

Arrestati a Parigi sette ex brigatisti rossi: tre sono in fuga ecco chi sono

Macron e la stabilità del Ciad

La Francia e la Repubblica Democratica del Congo si sono pronunciate a favore di una “transizione pacifica, democratica e inclusiva”. Macron cerca di preservare la stabilità del Ciad per permettere al paese di continuare ad avere una parte attiva in Sahel. Tuttavia al contempo vuole sostenere una transizione democratica illustrando così l’imbarazzo della Francia nella gestione di una crisi imprevista.