Chievo-Lazio 1-2: Milinkovic-Savic regala la vittoria nel finale

0
296

Una Lazio un pò sorniona, troppa sicura di sè quella di ieri sera contro il Chievo di Maran, che invece ha disputato un ottima gara, spingendo, trovando il pareggio e andando vicino al vantaggio.
Ma il vero eroe della gara di ieri, è Milinkovic-Savic che ha permesso alla squadra di Inzaghi di ottenere i primi tre punti della nuova stagione con un gol di rara bellezza.

https://www.youtube.com/watch?v=5yZZ_1fP3yU

PRIMO TEMPO – Fin dall’inizio sono i padroni di casa a voler guidare il gioco, ottima linea difensiva e buon possesso palla degli uomini di Maran. Seppur la Lazio non stesse giocando una discreta partita, alla prima palla buona si vede passare in vantaggio.

All’11° calcio d’angolo battuto da Luis Alberto, Sorrentino indeciso rimane a metà strada, tutto troppo facile per Immobile che con un leggero tocco di testa insacca il pallone.

Il Chievo non demorde, per tutto il primo tempo è sempre e solo lui a fare la partita e a rendersi maggiormente pericoloso. Al 29° colpo di testa di Castro, parato.
Passano pochi minuti, azione rocambolesca sulla trequarti della Lazio, pallone che arriva a Pucciarelli che tutto solo in area di rigore, con un sinistro piazzato manda in rete la palla del pareggio, meritato.

Sul finale della prima frazione Castro ha l’opportunità del gol del vantaggio, ma un attento Strakosha para bene il colpo di testa.

SECONDO TEMPO – Inizia la ripresa. Il primo lampo è di Birsa, tiro potente dalla distanza, altra buona parata del giovane portiere biancoceleste che non si fa sorprendere.

Inzaghi non vede ben messa in campo la sua formazione, al 60° fuori Lulic dentro Lukaku, dentro Caicedo e fuori Lucas Leiva. Abbassando anche Milinkovic-Savic in modo tale di aver più spinta verso l’attacco.

Al 70° occasione per entrambi i fronti, prima Basta, conclusione che colpisce solo l’esterno della rete, poi Inglese che stacca alto di testa ma non trova lo specchio.

Maran apporta alcuni cambi ai suoi uomini, fuori Dainelli e Pucciarelli, dentro Cesar e Garritano. L’abbassamento di Milinkovic-Savic si fa sentire, il serbo offre una splendida palla ad Immobile che a tu per tu con Sorrentino riesce a sbagliare.

All’88°, momento decisivo della partita, ancora Milinkovic-Savic, questa volta in versione bomber invece che assist-man lascia partire da fuori area una bordata di collo destro che non lascia scampo a Sorrentino, andandosi ad infilare all’angolino basso.
Alla gioia del gol contribuisce anche Inzaghi con una splendida corsa verso il giocatore serbo.

Ultima occasione del match è sulla testa di Castro che sfiora il palo e il pari.
Gara bella e soddisfacente, merito sopratutto del gioco del Chievo che ha pagato dazio maggiormente degli errori da distanza ravvicinata.
Primi tre punti per Inzaghi, ma forse il risultato più esatto era il pareggio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here