CSKA MOSCA – MANCHESTER UNITED 1-4

All’Arena CKSA va in scena lo scontro tra le prime della classe: il Manchester United di Mourinho, che ha risolto in scioltezza la pratica Basilea nella prima giornata, fa visita al Cska Mosca che si è imposto 2-1 a Lisbona.
CSKA in campo con il 3-5-2, con Vitinho e Chalov in attacco, con Mario Fernandes sulla destra.
Mourinho schiera il suo Manchester con il 3-4-3, con Smalling, Bailly e Lindelof in difesa, mentre in attacco spazio a Mkhitataryan, Lukaku e Martial.

Subito aggressivi i Red Devils, con Lukaku che al 5’ è bravo a sfruttare la prima disattenzione della difesa di casa e insaccare in rete.
CKSA immediatamente vicino al pareggio: Dzagoev calcia verso la porta, De Gea si allunga e mette in calcio d’angolo.
Al 14’ United ad un passo dal raddoppio: tocco ravvicinato di Mkhitataryan, lasciato solo dalla difesa del CSKA, Akinfeev compie una parata magistrale.
La festa del gol è però solo rimandata: al 19’ l’arbitro concede un calcio di rigore agli uomini di Mourinho, Martial raddoppia.
Al 26’, i Red Devils chiudono il match: Lukaku sfugge alla marcatura di Ignashevich e cala il tris.

La prima frazione di gara si chiude sul punteggio di 0-3: dominio Manchester United all’Arena CSKA.

Il secondo tempo si apre con l’occasione CKSA: conclusione con il mancino per Golovin, il pallone sorvola la traversa e si perde a fondo campo.
Al 58’, è però ancora il Manchester United a guadagnarsi la scena: gol di Mkhitataryan, che si avventa sulla ribatutta di Akinfeev dopo un ottima conclusione di Lukaku. Poker dei Red Devils, che chiudono il match.
Al 90’ c’è spazio per il gol della bandiera del CSKA: buon suggerimento di Golovin per Kuchaev che carica la conclusione e trafigge De Gea.

Prova di forza del Manchester United, che liquida la pratica CSKA Mosca senza grandi problemi e si porta in testa da solo a punteggio pieno.

 

BASILEA – BENFICA 5-0

Nemmeno il tempo di scendere in campo, che il Basilea segna con Lang, bravo ad avventarsi su una palla vagante in area e portare in vantaggio i suoi.
Grande avvio della squadra di casa, che al 20’ trova il gol del raddoppio con Oberlin, con una grande cavalcata in contropiede.

La prima frazione di gara si chiude sul punteggio di 2-0: impatto incredibile della squadra svizzera sulla partita.

Nel secondo tempo la musica non cambia: supportato dal caldissimo tifo dei suoi tifosi, il Basilea ottiene un calcio di rigore al 59’, con Van Wolfswinkel che segna il gol del momentaneo 3-0.
Al 63’, cartellino rosso per Almeida: fallo assurdo del giocatore portoghese, che con un intervento in doppia gamba atterra l’avversario.
Al 69’, Oberlin centra la doppietta dopo un errore in disimpegno del Benfica nelle retrovie: match a senso unico, siamo sul 4-0. Incredibile la mancanza di reazione da parte della squadra ospite, penalizzata dalle enorme disattenzioni ed errori dei suoi.
Prima del fischio finale, c’è spazio per la manita del Basilea, con Riveros che al 77’ trafigge Julio Cesar.

Vittoria importantissima per la squadra svizzera che umilia un Benfica mai in partita e conquista i primi 3 punti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here