Cercasi investitori: Aston Martin alla ricerca di aiuti

0
224

Cercasi investitori per il marchio Aston Martin. L’azienda è dunque in difficoltà economiche? Sembrerebbe di sì.

Cercasi investitori per Aston Martin: perché?

In questo momento Aston Martin ha 1,46 miliardi di dollari di obbligazioni in sospeso, bozze bancarie e prestiti pure in sospeso. Secondo il magazine Autocar, sarebbe disposta ad offrire un posto nel suo consiglio di amministrazione in cambio di un investimento di 242 milioni di dollari. Al momento, starebbe valutando due possibili investitori: il primo passerebbe attraverso un fondo di investimento saudita legato al presidente esecutivo di Aston Martin, Lawrence Stroll. Un altro invece proverrebbe dalla costa occidentale degli Stati Uniti.


Felisa e Fedeli svolta italiana ai vertici di Aston Martin


Nessun commento

Finora Aston Martin non ha ancora commentato queste indiscrezioni. Pare pacifico però che gli eventuali investimenti debbano coprire sia le operazioni di auto da strada che il business motorsport. Ciò che è sicuro, invece, è che l’azienda ha lottato con i problemi finanziari per buona parte della sua vita, iniziata nel 1913. Basti pensare che da quel momento ha dichiarato bancarotta ben sette volte.

Fuori Moers, dentro Felisa

Lo scorso maggio l’Amministratore Delegato di Aston Martin, Tobias Moers, si è dimesso dalla sua carica, sostituito dall’ex CEO di Ferrari, Amedeo Felisa. Sono stati molti però i dipendenti senior ad abbandonare il loro posto: la speranza, oggi, è che il nuovo AD conduca l’azienda lungo una strada più competitiva nel settore automobilistico.

Il futuro è Racing Green

Come molte altre aziende, anche Aston Martin punta sul Racing Green, ossia l’intera gamma elettrificata entro il 2030. La prima cosa da fare sarà cominciare le consegne della supercar Valhalla all’inizio del 2024, prima di lanciare un modello completamente elettrico nel 2025. Oltre a questo, si impegna a ridurre a zero le emissioni in tutti i suoi stabilimenti entro il 2030: e in tutta la catena di fornitura entro il 2039.