giovedì, Luglio 18, 2024

Centinaia di migranti uccisi alle frontiere saudite

Un rapporto di Human Rights Watch afferma che centinaia di migranti etiopi sono stati uccisi dalle guardie di frontiera saudite. I migranti cercavano di raggiungere l’Arabia Saudita in cerca di una vita migliore. La rotta Somalia-Yemen-Arabia Saudita è una delle più pericolose al mondo.

Centinaia di migranti uccisi dalle guardie di frontiera saudite

Human Rights Watch (HRW) ha denunciato che centinaia di migranti sono stati uccisi al confine con lo Yemen da parte delle guardie di frontiera saudite. Secondo l’inchiesta di HRW, gli abusi nei confronti dei migranti etiopi sarebbero sistematici e potrebbero rappresentare crimini contro l’umanità. Nel rapporto di legge che tra marzo 2022 e giugno 2023 sono stati uccisi 655 migranti etiopi e richiedenti asilo mentre tentavano di attraversare il confine. I testimoni hanno detto che sicuramente i morti sono molti di più e che è impossibile ottenere una cifra precisa.

Secondo le informazioni raccolte da HRW, in diversi casi le guardie di frontiera saudite avrebbero chiesto ai migranti a quale parte del corpo sparare, per poi farlo a distanza ravvicinata. Le armi esplosive sarebbero state usate in particolare contro i migranti che cercavano di fuggire verso lo Yemen. Delle 42 persone intervistate da HRW che hanno cercato di attraversare il confine tra Yemen e Arabia Saudita, tutte hanno descritto scene di orrore. Donne, uomini e bambini gravemente feriti, mutilati o già morti punteggiavano il paesaggio montuoso. Gli intervistati hanno anche riferito di essere stati attaccati da proiettili di mortaio e altre armi esplosive da parte delle guardie di frontiera saudite.


Leggi anche: 41 persone morte nel naufragio di un’imbarcazione di migranti tra l’Italia e la Tunisia

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles