Centinaia di gruppi QAnon rimossi da Facebook

La piattaforma di Facebook ha dichiarato di aver rimosso quasi 800 gruppi di cospirazione QAnon per rischi sulla sicurezza pubblica.

0
289
Centinaia di gruppi QAnon

Facebook ha annunciato la rimozione di centinaia di gruppi QAnon. La motivazione sarebbe per rischi sulla sicurezza pubblica. Infatti, gli utenti QAnon postano contenuti che incitano alla violenza e all’uso delle armi.

Centinaia di gruppi QAnon banditi dal social

Il social network Facebook dichiara che sta espandendo la sua politica contro i rischi sulla sicurezza pubblica. In questo, ha dichiarato che ha rimosso quasi 800 gruppi di cospirazione QAnon per post che celebrano la violenza, mostrano l’intenzione di usare armi o attirano follower con modelli di comportamento violento.

Inoltre, la piattaforma ha affermato di avere imposto delle restrizioni ai rimanenti 1950 gruppi QAnon pubblici e privati. Infine, non consiglierà più tali gruppi agli utenti e ridurrà le probabilità con cui questi si possano trovare nelle ricerche.

La decisione di questa rimozione arriva dopo le numerose critiche a Facebook per la circolazione libera di questi gruppi di utenti. Infatti, nell’ultimo anno l’attività di QAnon tramite Facebook era aumentata vertiginosamente.

Facebook ha anche rimosso 980 gruppi che secondo la piattaforma incoraggiano le rivolte violente. La maggior parte di questi riguarda gruppi di Destra. Tuttavia, ha anche rimosso un numero sostanziale di gruppo del movimento Antifa di Sinistra.

Anche Twitter aveva già rimosso migliaia di account QAnon.

Cos’è QAnon

QAnon è un gruppo di cospirazione che si è formato all’indomani della falsa cospirazione chiamata “Pizzagate“. Questa cospirazione è nata durante le elezioni presidenziali 2016. Affermava che molti politici democratici stavano conducendo una rete di pedofili dal seminterrato di un ristorante di Washington DC. Tale gruppo sarebbe stato capeggiato dall’allora candidata USA 2016 Hillary Clinton.

QAnon si basa invece su messaggi anonimi di qualcuno che usa il soprannome Q. Quest’ultimo afferma di essere un alto funzionario dell’amministrazione Trump. Il signor Q e i suoi sostenitori adorano Donald Trump,e affermano che le élite democratiche e di Hollywood amano il diavolo, mangiano i bambini e in alcuni casi sono già stati giustiziati dai tribunali militari segreti. Avrebbero quindi sostituito l’élite con dei sosia attori.

QAnon ha avuto sempre più sostegno dalla Destra alleata di Trump. Addirittura, dei suoi sostenitori hanno vinto le primarie al Congresso in Georgia e in Florida.

Il presidente Trump si è sempre rifiutato di condannare tali teoria, anzi, spesso le abbraccia.

L’altro giorno un giornalista ha chiesto a Trump se crede che QAnon stia salvando il mondo da cannibali satanici. Il Presidente ha risposto: “Dovrebbe essere una cosa negativa?…Stiamo salvando il mondo da una filosofia di Sinistra radicale”.

L’FBI identifica QAnon come una potenziale fonte di violenza domestica. Alcuni suoi seguaci sono stati accusati di omicidio e rapimento.


Leggi anche: Twitter e Facebook limitano la campagna del Presidente Trump su fake news sul coronavirus ; Facebook sospende un gruppo anti-mascherine per disinformazione

Commenti