Cavoli a merenda: esaltazione di gusto con accostamenti sorprendenti

0
769
cavoli a merenda

Cavoli a Merenda è un ristorante di Milano. Una passione nata e portata avanti a piccoli passi da Vanessa Viscardi. E’ diventato un Must have per gli avventori del gusto. Vanessa era una donna impegnata che si divideva tra il lavoro nel mondo della Finanza e la famiglia. Nel 2013,dopo aver lasciato il suo lavoro, spronata anche dal marito, ha iniziato proponendo dei corsi di cucina in un appartamento vicino alla loro abitazione.

La realizzazione di un’idea e nasce Cavoli a Merenda

Dopo un corso fatto alla “Scuola Internazionale di Cucina Italiana Alma “di Gualtiero Marchesi è l’inizio delle cene organizzate con il passaparola. All’interno di un Palazzo nobiliare del 1700, nel cuore di Milano, in Corso Magenta 66. Questo ristorante dal nome particolare, accoglie i suoi ospiti trasportandoli in un percorso di gusto e ricercatezza che si respira nei suoi ambienti e nella terrazza, così signorili da pensare per un attimo di essere commensali di gentilizi ospiti.


A Milano Quaresima al museo con “Storie della Passione”


Gusto e ricercatezza: un buon connubio di stile

C’è una predominanza di bianco, di trasparenze, di argento e oro nella sala da pranzo del ristorante di Vanessa Viscardi, un mix di stile e accuratezza. La terrazza del bellissimo palazzo, tutelato dalla Soprintendenza dei Beni Culturali, si apre su una Milano che affascina.

Cosa si mangia da Cavoli a Merenda?

Ovviamente i cavoli sono tra i prodotti presentati nel menù di questo ristorante privato. Tutte le verdure vengono interpretate da Vanessa, che crea dei connubi interessanti per le sue pietanze. Con alimenti freschi e di stagione, si realizzano piatti con l’approvazione di una dietista, per un corretto bilanciamento delle proprietà e degli apporti nutrizionali c’è anche una ricercatezza nei tempi di cottura che ogni alimento esige rispetto ad un altro. Al vino in questo luogo viene dato una importanza notevole. C’è, infatti, una cantina con bottiglie di vino eccellenti e ricercate, nei sotterranei del palazzo.

una video ricetta di Vanessa Viscardi

Perchè si chiama così?

L’idea di chiamare il ristorante con questo nome è nata per sdrammatizzare sull’eleganza degli ambienti e per mettere l’accento sulla cucina, rivolta soprattutto all’utilizzo dei vegetali, come ingredienti principali di molti piatti. La filosofia dell’accoglienza è un biglietto da visita in questo ristorante, dove i clienti si sentono come a casa ed hanno la possibilità di entrare in cucina a chiacchierare con la chef. Sulla pagina facebook di Cavoli a Merenda sono tante le ricette che si possono trovare così come le informazioni sui corsi di cucina.