Caso Khashoggi, al via il processo ad Istambul

0
232
Khashoggi, al via il processo contro 20 cittadini sauditi

Novità sul fronte dell’omicidio di Jamal Khashoggi. È iniziato ad Istambul il processo che vede imputati circa 20 persone con cittadinanza saudita, accusate di aver smembrato e poi occultato i resti del cadavere.

All’intero dell’affaire sarebbero coinvolti anche gli organismi interni del regno, che mediante il loro ex vice-capo dell’Al-Mukhabarat al-‘Amma, i servizi dell’Arabia Saudita, Ahmed al-Assiri, avrebbero agito violentemente contro il giornalista. Accanto ad Assiri spunta un altro nome di un fedelissimo del principe saudita, Saud al-Qahtani, ex consigliere per i media e ostile nei confronti di Khashoggi.

Le parole di Andrew Gardner, membro di Amnesty International

A tal proposito si è fatto sentire anche Amnesty International, che mediante Andrew Gardner, membro di punta della sede turca dell’organizzazione ha detto:

“Questo processo, unito ad altri sforzi da parte delle autorità turche, è stato importante per continuare ad indagare su questo omicidio. Non deve essere dimenticato”.

“Questo processo non sostituisce un’indagine internazionale guidata dalle Nazioni Unite. Speriamo che sarà solo un altro trampolino di lancio al fine di garantire chiarezza sull’accaduto”, ha dichiarato Gardner ad Al Jazeera.

Jamal Khashoggi, simbolo della libertà di espressione in Medio Oriente

L’omicidio Khashoggi

Quello perpetrato contro il giornalista saudita Jamal Khashoggi è un autentico crimine contro la libertà di espressione. Il libero pensatore arabo è stato assassinato il 2 ottobre 2018 nel consolato di Riad della metropoli sul Bosforo; nel momento esatto in cui stava consegnando i documenti per il suo matrimonio con la compagna Hatice Cengiz. Il suo corpo è stato fatto a pezzi prima di essere occultato.

È evidente la responsabilità del principe ereditario, e monarca de facto, Mohammed bin Salman, che con due suoi uomini avrebbe diretto la regia di questo vero e proprio massacro contro la libertà di espressione.

Leggi anche ->L’Arabia Saudita rende fuorilegge la fustigazione

Commenti