Caso Georgia potrebbe mandare Trump in prigione

Ad affermarlo è un ex pubblico ministero che ha lavorato nel caso Watergate

0
216
Caso Georgia

Il caso della Georgia potrebbe mandare l’ex presidente Donald Trump in prigione. Ad affermarlo è un ex pubblico ministero che ha lavorato nel caso Watergate contro Richard Nixon.

Il caso della Georgia potrebbe mandare Trump in prigione?

Un pubblico ministero che ha lavorato al caso Watergate contro Richard Nixon ha affermato che è probabile che il caso di interferenza elettorale in Georgia manderà in prigione l’ex presidente Donald Trump. L’ex pubblico ministero Nick Akerman ha detto a MSNBC che la telefonata tra Trump e il Segretario di Stato della Georgia potrebbe creare seri guai all’ex presidente. “Se dovessi investire i miei soldi in un’accusa che andrà avanti qui che manderebbe Donald Trump in prigione, è la Georgia“, ha detto Akerman. Quest’ultimo ha poi sottolineato che i pubblici ministeri della Georgia hanno prove registrate della telefonata tra Trump e il Segretario di Stato e quindi hanno un caso estremamente forte.

Cos’è successo in Georgia?

La contea di Fulton ha convocato un gran giurì speciale. Il gran giurì dovrà indagare sugli sforzi di Trump per ribaltare l’esito delle elezioni presidenziali del 2020 nello Stato. Il caso è incentrato sulla telefonata tra Trump e il Segretario di Stato della Georgia Brad Raffensperger. Durante la telefonata, Trump aveva chiesto a Raffensperger di trovare 11.780 voti per ribaltare la vittoria di Biden nello Stato. Il tycoon aveva detto che la sua telefonata non era stata assolutamente inappropriata e che era stata perfetta.  Gli investigatori della Georgia hanno iniziato a sentire testimoni questo mese, incluso Raffensperger. Il gran giurì speciale alla fine consiglierà se i pubblici ministeri della contea dovranno perseguire Trump penalmente per interferenza elettorale. L’indagine sulla contea di Fulton arriva mentre il comitato ristretto della Camera che indaga sull’insurrezione del 6 gennaio 2021 sta tenendo udienze in corso questo mese sugli eventi che hanno portato a una folla pro-Trump ad assaltare il Campidoglio.


Leggi anche: Assalto a Capitol Hill: l’ira di Trump contro la commissione d’inchiesta