Ci sono alcune importanti novità sul caso di Maria Sestina Arcuri, la ventiseienne morta in seguito a una caduta dalle scale mentre si trovava a casa della nonna del fidanzato a Ronciglione.

Secondo la ricostruzione del fidanzato, Andrea Landolfi, i due sarebbero rientrati a casa dopo una serata trascorsa presso un pub della zona e sarebbero scivolati insieme dalle scale che portano alla mansarda dell’abitazione. Secondo quanto dichiarato dal Landolfi, Maria Sestina avrebbe poi insistito per andare a dormire, non chiedendo quindi di essere portata in ospedale. Solamente qualche ora dopo, lo stesso fidanzato, vedendo che le condizioni della Arcuri erano peggiorate, ha chiamato l’ambulanza che ha trasportato Maria Sestina presso l’ospedale di Viterbo dove è poi deceduta per le gravi ferite dovute alla caduta.

Le novità dell’autopsia

Secondo le indiscrezioni della trasmissione di rai 1 La vita in diretta, il referto del medico legale presenta alcuni lati contrastanti rispetto a quanto raccontato da Andrea Landolfi. Innanzitutto l’assenza di ecchimosi da rotolamento sul corpo di Maria Sestina porta a pensare che non ci fu scivolamento dalle scale, ma bensì una caduta accelerata che ha provocato il fracassamento del cranio e la compressione toracica che sono stati fatali alla donna. Maria Sestina sarebbe quindi stata lanciata nel vuoto da un altezza di tre metri.

Si aggrava la posizione del fidanzato

Si aggraverebbe quindi la posizione del fidanzato Andrea Landolfi, già indagato dalla procura  di Viterbo per omicidio volontario e omissione di soccorso. Nonostante la nonna del ragazzo (che la sera della tragedia era nella stessa casa ma in un’altra stanza) confermi quanto dichiarato dal ragazzo, ci sono molte lacune nelle sue dichiarazio, a cominciare dal fatto che Andrea, che lavorava come operatore socio sanitario avrebbe dovuto accorgersi delle reali condizioni della fidanzata, cosa che invece non accadde, in quanto Andrea portò Maria Sestina a dormire e solamente dopo qualche ora allertò i soccorsi.

Si attendono quindi nuovi sviluppi su questa triste vicenda di cronaca nera.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here