Castelfiorentino: il Museo di Arte Sacra riapre i battenti

0
385

Oggi è il giorno della riapertura del Museo di Arte Sacra presso il Santuario di Santa Verdiana a Castelfiorentino (FI). Dopo un periodo di chiusura forzata, dalla data odierna si tornerà a visitare questo luogo, scrigno di inestimbabili capolavori. “Abbiamo fiducia che tanti approfitteranno di questa nuova opportunità, in un periodo in cui la voglia di esperienze dal vivo è grande e il turismo locale è capace di offrire tante occasioni, come questa. Così ha affermato don Alessandro Lombardi, proposto di Castelfiorentino – Per la nostra comunità è un momento di ripresa effervescente”.

Non solo il Museo di Arte Sacra…

Quella del museo è solo la prima di una serie di riaperture che torneranno ad animare Castelfiorentino. Infatti, continua don Lombardi: “La riapertura del Museo si aggiunge alla prossima riapertura alla visita di due chiese belle e importanti: la Pieve dei Santi Ippolito e Biagio e la Collegiata dei Santi Lorenzo e Leonardo. A seguire, la conclusione dei restauri, che verranno presentati in estate, di 4 importanti opere, una del Museo e 3 del Santuario, effettuati grazie al contributo della Fondazione CR Firenze con il bando Firenze Restaura 2020″.

Le opere contenute

Nel Museo di Arte Sacra a Castelfiorentino sono conservate opere d’arte appartenenti al Quattrocento e al Cinquecento toscano. Tra quelle che adornano la sala 1 spiccano due Madonne col Bambino: l’una, detta “Madonna di Castelfiorentino”, attribuita a Cimabue e Giotto; l’altra, del XIV secolo e opera di Taddeo Gaddi, è attorniata dai Santi Giovanni Evangelista, Giovanni Battista, Zanobi e Jacopo. Rossello di Jacopo Franchi, Bernardo di Stefano Rosselli, Alessio di Benozzo, Francesco Granacci, “Il Sollazzino” e Annibale Gatti sono alcuni degli autori che hanno realizzato le pitture che si potranno visitare alla sala 2. La sala 3 è dedicata ai paramenti sacri e all’oreficeria, mentre alla successiva sono esposte opere risalenti al periodo manierista, ma anche ad artisti del calibro di Cosimo Gamberucci, Francesco Bolrdini e Agostino Veracini.

Prima di visitare il museo

Per usufruire di questa opportunità è necessario prenotarsi entro il giorno precedente la visita tramite e-mail all’indirizzo [email protected], oppure telefonando al numero 057164096. Il museo è aperto il lunedì e il venerdì dalle 9 alle 13, il martedì e il giovedì dalle 16 alle 19, il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16 alle 19. Sono gli stessi orari di apertura del Museo Be.Go., interamente dedicato all’artista Benozzo Gozzoli. Obbligatori l’uso della mascherina e il distanziamento sociale.