Cashback cosa si rischia inserendo i dati della carta

0
1556

Il Governo da pochi giorni ha avviato il Cashback previsto dal piano bilancio 2020, con l’obiettivo di incrementare l’utilizzo dei pagamenti elettronici. Quello lanciato l’8 Dicembre è definito “Extra Cashback di Natale” e terminerà il 31 Dicembre. Dal mese di Gennaio 2021 partirà quello ufficiale, suddiviso in periodi semestrali fino al 30 giugno 2022, i primi 100 mila partecipanti che in ogni semestre hanno totalizzato il maggior numero di transazioni valide, riceveranno un super cashback di 1500 euro.

Cosa ti può accadere inserendo i dati?

Dopo aver scaricato l’applicazione Io.it sul tuo cellulare, ti  verrà richiesto per poter partecipare al cashback l’inserimento dei dati della tua carta di pagamento. Dovrai inserire il numero della carta, la scadenza e il CVV di tre cifre che si trova sul retro di tutte le carte. Come ha spiegato uno dei massimi esperti in Italia di sicurezza informatica Umberto Rapetto, un attacco hacker all’applicazione, porterebbe a conoscenza dei codici Cvv che invece dovrebbero essere segreti, a conoscenza solo del proprietario. L’hacker una volta venuto in possesso dei dati della carta potrebbe tranquillamente effettuare degli acquisti online. Da quando vi registrate all’app Io è opportuno tenere sotto controllo la registrazione delle transazioni dall’estratto conto della propria carta di credito, bancomat o prepagata. I malintenzionati potranno fare piccoli pagamenti di 10, 20 euro.

La registrazione al cashback non è gratuita

Quando ti iscrivi viene sottratta una piccolissima cifra di centesimi di euro. Andando a leggere le Faq presenti nell’applicazione, non viene avvisato l’utente del momentaneo addebito, non è dato sapere su quale conto corrente vengono versati i soldi. Non puoi sapere quando ti verrà riaccreditata la somma. Per una singola persona si tratta di qualche centesimo ma moltiplicato per le milioni di persone iscritte è una cifra enorme. Oggi gli attacchi hacker sono all’ordine del giorno, anche i siti di grande aziende, hanno subito la sottrazione di dati importanti.


Piano Cashback: come ottenere i rimborsi


Dal momento che sei a conoscenza di queste informazioni, non farti ingannare, tieni sotto controllo tutte le transazioni. Anche piccoli furti di 10,20 euro per un periodo lungo possono arrivare ad una somma di 150, 200 euro. Alla fine sarà un’impresa ardua poterla recuperare. Ricordati questo mese di Dicembre per ottenere il rimborso devi effettuare almeno 10 operazioni.