Erano passate da poco le 13 quando a Caserta, in via Vescovo Natale, rione Tescione, un 45enne ha creato momenti di terrore in tuta mimetica minacciando alcuni clienti, all’interno del bar Chimera, dicendo di voler fare una strage e puntando contro tutti una pistola.

Quando è arrivata la polizia Lamonica prima si è barricato nel locale – che si trova a pochi metri dalla scuola degli Allievi della Polizia di Stato – poi quando gli è stato intimato di uscire, si è mostrato sull’uscio del locale scarrellando l’arma, costringendo la polizia a fare fuoco per fermarlo ed evitare il peggio. Quattro i colpi esplosi dagli agenti. 

Il 45enne, secondo una ricostruzione, è stato centrato all’avambraccio destro e di striscio alla gamba. L’arma che gli è stata subito sequestrata era una Beretta usata per il softair. E l’uomo è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale.

Secondo la ricostruzione degli agenti, Lamonica oltre ad aver problemi di salute legati ad all’alcool, girava spesso in tuta mimetica, parlava spesso, della sua missione militare ma era stato nell’Esercito solo a 18 anni nel corso della Leva militare. I poliziotti della Squadra Volante di Caserta diretti dal dott. Ricciardi, inoltre, gli hanno sequestrato, presso la sua abitazione, a pochi metri dal bar,  nel corso di una perquisizione domiciliare, altre armi utilizzate sempre per il softair. I medici nel corso dell’operazione, questa sera, gli hanno ricostruito la frattura al braccio destro.

Un parente che gli ha fatto visita ha commentato: “Stamattina l’ho incontrato per strada e gli avevo raccomandato di togliersi quella tuta ma non avevo visto che portava con se l’arma”. La cassiera del bar Chimera dove c’è stata la sparatoria è stata colta da malore appena ha udito gli spari. Ci sono stati momenti di tensione in tutto l’affollatissimo rione fino in serata.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here