Carta da cucina: la classifica di Altroconsumo tra sorprese e delusioni

0
1052

La carta da cucina è uno dei prodotti più utilizzati dagli italiani. I rotoli assorbenti, infatti, si adattano a diversi usi, dalla pulizia dei piani di cottura all’asciugamento di liquidi rovesciatisi sulle superfici, e in alcune occasioni possono risultare comodi anche per appoggiarvi determinati alimenti. Ovviamente i consumatori ben sanno che non tutti i cosiddetti «rotoloni» sono dotati della stessa qualità e resa, e ognuno ha i suoi marchi preferiti. Altroconsumo però ha fatto qualcosa di più, andando ad analizzare nello specifico 15 brand che producono e distribuiscono nei supermercati carta da cucina, stilando una vera e propria graduatoria di riferimento.

L’associazione milanese ha contattato circa 200 volontari, sottoponendogli la carta assorbente in formato anonimo, ossia senza etichette né marchi, per far sì che potessero valutarne l’efficacia senza alcun tipo di condizionamento. La lista è stata stilata tenendo conto di tre principali parametri di riferimento: capacità assorbente, resistenza-durata ed eco-sostenibilità.

Carta assorbente da cucina: i test di Altroconsumo.

Prima di riportare l’elenco dei materiali migliori e peggiori pubblicato da Altroconsumo, è bene sottolineare proprio l’aspetto relativo all’impatto sull’ambiente. Purtroppo, nel complesso, questi prodotti per la pulizia non risultano particolarmente sostenibili, compresi quelli immessi sul mercato in carta riciclata. In tal caso, anche se si riscontrano dei miglioramenti, si sottolinea comunque che restano pur sempre dei materiali usa & getta che, a seconda dei vari regolamenti comunali, possono essere smaltiti tramite raccolta indifferenziata, umido oppure carta. Dunque, il consiglio fornito dall’associazione presieduta da Luisa Crisigiovanni è quello di ridurne l’utilizzo e di preferire spugne e panni in microfibra per le pulizie, e i tradizionali strofinacci per asciugarsi le mani.

Altroconsumo: i risultati dei test sulla carta da cucina

Entrando nel dettaglio della lista diramata da Altroconsumo dopo le prove effettuate su 15 marchi produttori di carta da cucina, davanti a tutti si è piazzato Tutto Pannocarta 3 in 1 che è stato definito proprio il Migliore del Test. L’unico neo del primatista è stato indicato nel prezzo che si aggira intorno ad una media di 4 euro. Il podio viene completato da Scottex Tuttofare (seconda posizione) e Foxy Media. Pannocarta ha prevalso soprattutto per l’ottima capacità di assorbimento dei liquidi, garantita dall’introduzione della nuova tecnologia TAD. Invece, per quanto riguarda l’impatto ambientale, solo Scottex è dotata di un certificato di sostenibilità della materia prima (FSC).

Tutto Pannocarta è al primo posto.

Hanno sfiorato il podio rispettivamente Coop Casa Maxi ed Esselunga che, però, hanno ottenuto il positivo riconoscimento di Migliore Acquisto. Durante i test, i volontari hanno riscontrato una buona capacità assorbente di entrambi, mentre qualche dubbio è emerso sulla resistenza dei fogli dopo essersi bagnati, poiché tenderebbero a disfarsi troppo rapidamente. Positiva la risposta riguardante il settore «green», giacché Coop è dotato di certificazione di sostenibilità FSC, mentre Esselunga di Ecolabel.

Valutazione media per Coop Vivi Verde e Soft Dream Extra dell’azienda Eurospin. Nota dolente, invece, per Solo Classic di Aldi, relegato in ultima posizione con un giudizio di «qualità bassa». La carta da cucina dei discount Eurospin e Aldi non ha soddisfatto gli utenti in termini di assorbimento, e nemmeno Vivi Verde ha entusiasmato sotto questo aspetto, anche se in tal caso si potrebbe pensare che la resa non perfetta sia legata al ricorso a materiali riciclati. Tuttavia, l’associazione di consumatori ha sottolineato che quest’inconveniente non si è verificato con Conad Verso Natura e Grazie Natural, altre due società che ricorrono alla carta riciclata che non è andata incontro a nessun procedimento di sbiancamento. Nel caso di prodotti provenienti da materiale recuperato, si ricorda di non metterli a contatto con gli alimenti.

Cosa si può riciclare tra gli oggetti che abbiamo in casa?

Insomma, nel complesso, la qualità generale della carta da cucina testata da Altroconsumo non è poi così scarsa, mentre qualche preoccupazione in più emerge per l’indice di sostenibilità che nella maggior parte dei marchi è risultato carente, se non addirittura mancante.

Commenti