Carrie Underwood: “Cry Pretty” Recensione

0
243

Nel suo nuovo album Cry Pretty , Carrie Underwood canticchia gli inni country, travolgenti battute di ballo, incorpora ritmi dance e hip-hop in quello che è uno dei più attesi e bei album del 2018.

Carrie Underwood e la sua immensa voce hanno amplificato e arricchito l’arena della moderna musica country da quando ha vinto ” American Idol ” nel lontano 2005 e rapidamente è diventata una delle più grandi star del genere. Per quanto riguarda il terzo, è perché è una delle più grandi star del genere e le parole benigne di Cry Pretty sulla violenza armata e l’uguaglianza avranno una quantità di attenzione sproporzionata.

Per ora, parliamo degli alti e bassi del sesto album dell’artista. Inizia forte con la title track, un singolo solido come una roccia che porta un messaggio di accettazione all’interno del suo arrangiamento rock in piena espansione. “Ghosts On the Stereo” piomba rapidamente in seguito per accontentare i fan del country in pieno stile Underwood. E “Low” è uno dei migliori brani di Cry Pretty con l’atmosfera blues e testi semplici mostrano Carrie Underwood con la sua voce senza sembrare un robot dalla tonalità perfetta.

Altrove, Carrie Underwood crea due vere e proprie tradizioni contadine: il battito del cuore in”Spinning Bottles” e l’inno basato sulla fede “Kingdom”, che dimostra sia le grandi ballate emotive rimangono pane per i suoi denti.

Gran parte del resto dell’album trovano l’artista alla ricerca di suoni pop e R&B più che mai. A volte, ha successo come nel caso di “Backsliding” che è una canzone singolarmente che parla della lussuria, mentre “End Up With You”  che richiama un pò i suoni alla Carly Rae Jepsen.

A volte, l’album però non ha molto successo come nel brano “That Song That We Used to Make Love To” in quanto si sente chiaramente che Carrie è fuori dalle sue corde. Nel frattempo, “Southbound” è il suo modo di interpretare la canzone “inno” che tanti artisti maschili riescano a portare in cima alle classifiche.

Per quanto riguarda le canzoni politiche, entrambe sono fatte con gusto. “The Bullet” è uno dei brani più veri dell’intero nuovo album e Carrie canta il testo che narra gli effetti che si sono creati in seguito alla morte di un giovane per mano della violenza armata. Dopo tutto, chi pensa che le mamme dovrebbero seppellire i loro figli? In seguito, “Love Wins” è una performance musicale che spicca e ispira come ascolterete nel 2018, anche se le sue battute non sono in linea con il messaggio esplicito di eguaglianza suggerito dal titolo. Non c’è nessun grido diretto alle persone di colore o alla comunità LGBT qui.

Sarebbe bello sentire Carrie Underwood cantare più apertamente sul controllo delle armi e/o sull’uguaglianza? Certo che lo sarebbe. Ma è la donna più importante che lavora all’interno di un segmento dell’industria musicale che sottovaluta le donne e le schiaccia quando parlano . Non è realistico aspettarsi che lei metta a repentaglio la sua carriera per un’opinione, e purtroppo questa è la posizione in cui si trova. Quindi, invece di concentrarsi sulle carenze di “The Bullet” e “Love Wins”, sicuramente su Cry Pretty , è un album che sarà ascoltato da milioni di persone in tutto il mondo. Voto 4/5

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here