Al giorno d’oggi è difficile trovare un album pop a tutto tondo che non sia sovraffollato da elementi finti e produzione mondana – fortunatamente per Carly Rae Jepsen, è una professionista che fa esattamente l’opposto.

Dopo l’uscita del suo album del 2015 ‘E • MO • TION’ si è praticamente consolidata come una principessa pop, e su ‘Dedicated’ continua questa serie vincente, dimostrando che non è un colpo di fortuna.

Apren ‘Julien’ mostra Carly al suo meglio. Sostenuta da sinuosi synth e un coro scintillante, incapsula senza sforzo la visione di cavalcare verso il tramonto. Questo è seguito da “No Drug Like Me” – tenuto insieme da una bassline funky e un tono sensuale – e “Now That I Found You”, entrambi che trovano conforto nel dance-pop convenzionale. Gli ascoltatori potrebbero chiedersi se è capace di fare una canzone media, e probabilmente la risposta è no.

Il problema con artisti come Carly – il rilascio di album così importanti – è la pressione in quanto bisogna saper far meglio del lavoro precedente. Anche se a volte possono non sembrare così freschi ed eccitanti come il materiale passato, le canzoni contenute nel suo nuovo progetto discografico non sono al di sotto delle aspettative. Carly riesce comunque a mantenere i suoi livelli di energia in tutto, trasmettendo ondate di groove ed emozioni come il lussurioso “Feels Right”, dove dimostra ancora una volta la sua abilità nel creare canzoni d’amore impenitenti.

In un mondo complicato come quello della musica, i fan del pop guardano a Carly Rae Jepsen come a una forma di fuga. Con brani come ‘Real Love’ e ‘The Sound’ prende il controllo delle proprie esigenze, possedendo la sua vulnerabilità e afferrando i sensi dal pugno nel processo. Tuttavia, questi rari momenti di vulnerabilità sono oscurati dal suo atteggiamento up-beat e audace su brani come “Happy Not Knowing” e “I’ll Be Your Girl” – che domina dall’inizio alla fine.

L’album si conclude con il brano “Party For One” autoritario e ribelle, è un momento di realizzazione per Jepsen – è perfettamente in grado di cavalcare l’assolo, cosa che forse è stata scoraggiante in passato. ‘Dedicated’ è un tripudio di melodie, avvolte in una nube scintillante di synth anni ’80, basso rimbalzante e percussioni progressive, si è certificata come una vera contendente nell’arena pop. Voto 4/5

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here