Carlo Golia: “Nessuno tocchi Eva”

0
942
carlo golia

“Nessuno tocchi Eva”, il 26 Novembre, in occasione della Giornata Mondiale Contro La Violenza Sulle Donne, ci sarà inaugurazione nel comune di Oflaga-Brescia (ore 15) della
mostra del pittore Carlo Golia in permanenza fino al 3 Dicembre.
Carlo Golia nasce a Torre Annunziata il 10/04/1944 e vive a Brescia.
Grande cultura, studente, dirigente, imprenditore, allenatore, batterista, ha studiato l’organizzazione al lavoro in Italia, Stati Uniti, URSS, Giappone,Thilandia e diversi paesi Europei,  ma il suo spirito è stato sempre quello di essere un pittore un artista.
Nel 1989 in occasione di una mostra personale a Brescia, il grande maestro Oscar Di Prata definì i suoi dipinti “paesaggi atemporali e fantastici” e ancora “Visaggio o miraggio di esaltante convergenza creativa, consentendogli di esternare sensazioni dell’anima e di perseguire un ideale d’artista discosto dall’effimero e dal Transitorio, esprimendo un sereno stato emozionale, fantasioso e illuminante formulazione dell’immagine.”
Carlo Golia ha esposto in numerose personali e mostre collettive di rilevante importanza, riscuotendo numerosi riconoscimenti sia a livello nazionale che internazionale: internazionale “S.Ambrogio di Milano”, 12°premio internazionale “Ba-Rocco” Milano ,premio internazionale “Carnevale Ambrogiano”, esposizione Unicef ed il premio della critica :”gran trofeo d’arte a Seveso”.
“Nessuno tocchi Eva”, molte citazioni sono dello stesso artista.
Un grido di allarme e un invito alla riflessione per combattere un crimine innominabile.
Sensibile verso le donne ,esseri più vulnerabili “una dichiarazione d’amore verso la donna”.
Il suo essere vuol dare spazio e voce alla libertà di vivere ed essere, come persona e donna la propria vita :le proprie scelte in quanto donna!
“La violenza alle donne ,comunque esercitata,è sempre una vergogna e per l’autore e per chi le permette!”
In questo percorso di opere o dipinti, vuole esaltare la donna in quanto tale, un nuovo filone dove esprimersi in un rinnovare di pensieri.
E’ doveroso accettare la donna così come è, nel rispetto di ciò che esprime.
“Nessuno tocchi Eva”, la donna della porta accanto, quelle che vediamo ogni giorno, con vestiti più eccentrici, quelle che lavorano a fianco, o che si incontrano in spiaggia in un caffè, in discoteche, in ogni luogo! opera dell'artista
Una riflessione!
A nessuno è dato il potere di uccidere :un omicida è una persona mentalmente debole, bestiale e non dimostra niente!
Ma questi uomini: sempre meno in questa epoca sono preparati, dei deboli senza valori, senza freni e rispetto, sembrano solo bambole che chiudono gli occhi, perdendo il contatto con la realtà! Soltanto possesso!
Sarebbe il tempo di ricominciare a guardare nel passato, recuperando valori per dare valore alla vita.

Commenti