Carla Chiusano a Ravenna con le regine della città

L'artista espone dal 7 maggio al Museo nazionale delle tele con vignette che raccontano le vicende del borgo nei secoli

0
454



Galla Placidia e Amalasunta, Francesca da Rimini e Teresa Gamba Guiccioli sono protagoniste alla mostra di Carla Chiusano a Ravenna. Dal 7 maggio il Museo nazionale ospita l’esposizione “Una città quattro regine”. Una meditazione dell’artista sulle vite di quattro celebri donne che hanno vissuto nel borgo emiliano. L’evento prosegue fino all’11 luglio.


Paolo e Francesca, gli infelici amanti danteschi


Cosa presenta Carla Chiusano a Ravenna?

L’artista ha realizzato quattro trittici di grande formato, dedicati ad altrettante regine della città. Storie di donne che si intrecciano in un percorso espositivo che descrive le vicende di Ravenna. Sono “incontri del passato” quelli condotti da Carla Chiusano con le regine ravennati delle quali ha letteralmente calzato i panni nelle opere. In mancanza di un apparato iconografico sufficientemente esaustivo, la creativa ha infatti raffigurato sé stessa nei suoi lavori. Ha quindi impersonato l’imperatrice Amalasunta, Francesca da Rimini e Teresa Gamba Guiccioli, amante di Lord Byron. Per Galla Placidia ha invece riprodotto la moneta recante l’effige della figlia di Teodosio conservata al Museo nazionale. La pittrice ha speso energie nel progetto. “Mi sono voluta misurare con quattro personaggi femminili. Storie di coraggio, dinamicità, innocenza e ribellione che mi hanno permesso di scoprire alcune curiosità sul borgo”.

Carla Chiusano

Carla Chiusano è torinese di nascita, milanese di adozione. La pittura accompagna da sempre la sua vita e dal 2007 ha reso questa forma di espressione artistica il suo unico lavoro. “Dipingo ciò che voglio e quando voglio, ma tutti i sacrosanti giorni. Nessuna regola, influenzata da tutto e da niente. Dai volti senza tratti della mia adolescenza, sono passata a giganteschi close up”. Tra i suoi ultimi lavori ci sono la mostra “Celebrating diversity” all’Istituto di cultura Italiano a Bruxelles e l’installazione “Dandelions” alla sede Nato. L’artista e le sue opere sono anche protagonisti di un film documentario di Mimmo Calopresti, “Conversazioni sull’arte di Carla”.

Una storia a vignette

Alle tele iperrealistiche dipinte ad olio, Chiusano ha infatti aggiunto la leggerezza e l’ironia delle vignette. In “Una città quattro regine” ha riprodotto le architetture del borgo come quinte su cui si muovono i personaggi. Emanuela Fiori, direttrice del Museo nazionale di Ravenna, illustra il percorso espositivo. “Ricche di ironia ma anche di particolari storici, le strisce creano relazioni imprevedibili tra personaggi del passato e visitatori moderni. Un progetto ricco di valore estetico e suggestioni, in grado di coinvolgere lo spettatore”. Gli sketch sono infatti realizzati sulle grandi tele come fossero degli interventi di street art. I graffiti, già a partire dal periodo romano infatti raccontano l’ambiente e la cultura di un’epoca.

La mostra di Chiara Cusano a Ravenna e gli orari

Il catalogo dell’Associazione culturale acribia edizioni è realizzato col contributo della Fondazione Cassa di risparmio cittadina, I testi sono di Emanuela Fiori, Ermanno Tedeschi, Elisa Emaldi, Giovanni Gardini e Ilaria Lugaresi.
L’esposizione è aperta dal martedì al venerdì dalle 14 alle 19.30, sabato dalle 8.30 alle 14. La prima e la terza domenica del mese è visitabile dalle 8.30 alle 14.