Cammino di Santiago: qual è il cammino più adatto a te?

Tutti i caminos per arrivare a Santiago de Compostela

0
572
Cammino di Santiago

Con Cammino di Santiago ci riferiamo ad una sorta di evento che ogni anno coinvolge circa 300 mila persone. I pellegrini seguono le frecce gialle e le conchiglie che segnalano i vari sentieri del Cammino di Santiago, la terza città santa per la cristianità. Inoltre sappiamo che la città custodisce le reliquie dell’apostolo San Giacomo, gelosamente conservate all’interno di una magnifica cattedrale.

Cammino di Santiago: quanti percorsi esistono?

Iniziamo con il Camino Francés, classico, lungo ma sempre gettonato. Questo caminos difatti è il percorso più tradizionale e ha come punto di partenza St-Jean-Pied-de-Port, sul versante francese dei Pirenei. Da qui continua per circa 770 km attraverso il nord della Spagna fino a Santiago de Compostela. Molte persone considerano il Camino Francés l’unico autentico Camino de Santiago, un percorso penitenziale consacrato da illo tempore. Il sentiero è un’ardua sfida perché richiede forte resistenza sia dal punto di vista mentale che fisico.

Camino Portugués: un sentiero adatto a tutti

Il Camino Portugués richiede circa 3 settimane e mezzo di cammino per completare gli oltre 600 km che separano Lisbona da Santiago. Il Camino Portoghese è alla portata di qualsiasi persona mediamente in forma: le salite collinari sono poche, ma gran parte del cammino è su superfici asfaltate quali strade, marciapiedi o ciottoli. Il sentiero tuttavia è sempre praticabile anche se è consigliato non incamminarsi nei mesi più caldi dell’estate.

Camino del Norte

Il Camino del Norte intrattiene i pellegrini per cinque settimane nei pressi dell’incantevole costa settentrionale spagnola. Il sentiero per di più accoglie 20 mila persone all’anno e si allunga parallelamente alla costa settentrionale spagnola per oltre 600 km. Si parte da Irún, sul confine francese per giungere fino a Ribadeo. Quindi qui si avanza verso l’interno attraverso la Galizia fino a Santiago de Compostela. Chi sceglie il Cammino del Nord è in cerca di un’alternativa meno popolare del Camino Francés.

Cammino di Santiago: alla volta del camino Primitivo

Il Camino Primitivo ha una lunghezza pari a 320 km. Il sentiero sembra che ripercorra le orme del primo pellegrino ad aver raggiunto a piedi la tomba di San Giacomo: il re Alfonso II delle Asturie, partito da Oviedo nell’anno 829. Il Primitivo è considerato uno dei caminos più difficili a causa dei dislivelli da affrontare nei primi otto o nove giorni. Eppure tutti i saliscendi mettono in risalto la bellezza dei paesaggi.

Camino de Muxía-Fisterra

Questo percorso non conduce a Santiago ma parte da esso e si conclude nei piccoli porti di mare di Finisterre e Muxía. Molti pellegrini preferiscono andare oltre Santiago e quindi aggiungono volentieri tre o quattro giorni in più per arrivare a Finisterre o Muxía. In quest’ultima città troviamo la chiesa del XVIII secolo costruita nel un punto in cui si narra sia apparsa la Vergine Maria a bordo di una barca di pietra.

Camino Inglés

Infine concludiamo con il camino Inglés. Questo si snoda per circa 115 km fino a Santiago da Ferrol, nel nord della Galizia. Deve il suo nome ai pellegrini che nel Medioevo giungevano nel porto di Ferrol dalla Gran Bretagna, dall’Irlanda e da altri paesi nordici, per poi proseguire verso Santiago via terra.


Il sentiero di Rilke, la meraviglia del territorio duinese

Ripristinato il sentiero colombiano in Liguria