California: governatore nega la libertà all’assassino di RFK

0
327
California: governatore nega la libertà all’assassino di RFK

Il governatore della California, Gavin Newsom nega la libertà condizionale a Sirhan Sirhan, l’assassino di Robert F. Kennedy. La vedova di Kennedy, Ethel Kennedy, e sei dei suoi figli hanno ringraziato il governatore per la decisone presa.  

Il governatore della California nega la libertà all’assassino di RFK?

Il governatore della California, Gavin Newsom, ha annunciato di aver negato la libertà condizionale a Sirhan Sirhan, il rifugiato palestinese che sta scontando l’ergastolo per aver assassinato nel 1968 Robert F. Kennedy.  Lo scorso agosto, un comitato di revisione della California aveva raccomandato il rilascio di Sirhan dalla prigione. La decisone aveva fatto infuriare la vedova di Kennedy, Ethel Kennedy, e sei dei suoi figli.

Newsom ha spiegato la sua decisione affermando di non essere d’accordo con la decisione del Board of Parole Hearings che Sirhan era idoneo alla libertà condizionale. “Dopo aver esaminato attentamente il caso, compresi i documenti negli Archivi di Stato della California, ho stabilito che Sirhan non ha sviluppato la responsabilità e l’intuizione necessarie per supportare il suo rilascio sicuro nella comunità“, ha detto Newsom. Dopo l’annuncio di Newsom, in una dichiarazione congiunta, i figli di RFK hanno affermato di essere “profondamente sollevati” dalla decisione del governatore.

Le dichiarazioni dell’avvocato di Sirhan

L’avvocato di Sirhan, Angela Berry, ha affermato che il governatore Newsom si è piegato a considerazioni politiche negando la libertà sulla parola al suo cliente. “Sebbene apprezzi il fatto che il rilascio del signor Sirhan presenti al governatore Newsom un calcolo politico impegnativo, la decisione legale per il suo rilascio è chiara e diretta. Siamo fiduciosi che il riesame giudiziario della decisione del governatore dimostrerà che il governatore l’ha ottenuto sbagliato“, ha detto Berry.


Leggi anche: Robert Kennedy: Sirhan Sirhan ottiene la libertà vigilata