Caldo estremo: attiva violenti grandinate

0
371
Caldo estremo

Eccessi termici deleteri: Il caldo estremo, attiverà violentissime grandinate anche di grosse dimensioni.

Descrivere il Caldo estremo in questo quadro climatico, in questo periodo, è un facile esercizio: solleone, calura, canicola, afa. Tutti termini che derivano dall’ingombrante presenza di una figura barica ormai ben nota: l’Anticiclone Africano. C’è, ovviamente, chi apprezza questo tipo di tempo chi al contrario non sopporta le altissime temperature soprattutto se associate ad alti tassi di umidità relativa.

L’afa, per intenderci, ci fa percepire una sensazione di disagio, di spossatezza, di stanchezza fisica. Diciamo questo: l’Estate Mediterranea non è l’Estate Africana. Perché un tempo, come ben saprete, era l’Anticiclone delle Azzorre a determinare il destino della bella stagione. Splendeva il sole, sì, ma senza che le temperature raggiungessero valori assurdi.

Anche perché, è sotto gli occhi di tutti, il troppo – come si suol dire – stroppia. Esattamente, gli eccessi termici – che si traducono in eccessi energetici – sono deleteri. Avete letto cos’è successo ultimamente oltre le Alpi? Praticamente il finimondo. Temporali violentissimi e devastanti, accompagnati da grandinate incredibili e persino da veri e propri tornado.

Tempesta Elsa minaccia i Caraibi

Tornado in arrivo: a breve potrebbero colpire pure l’Italia

Calo termico soprattutto al Nord e Sardegna

Ecco, questa è la riprova che il troppo stroppia. Non sottovalutiamo il rapido riscaldamento delle acque mediterranee. Il calore in eccesso verrà trattenuto dai nostri mari e alla prima occasione utile – che non sappiamo quando sarà – verrà rilasciato in atmosfera. Lecito, quindi, attendersi fenomeni tanto più violenti quanto più calore verrà immagazzinato dai nostri mari.

E’ per questo motivo che speriamo in un cambiamento, un cambiamento che perlomeno sia in grado di riportarci un po’ di normalità stagionale. Altrimenti, prima o poi, gli eccessi torneremo a pagarli con gli interessi.

Fonte: MeteoGiornale