Calcio, vincono tutte e classifica invariata: ricominciano da tre

0
401

Cambiano gli attori, ma la sostanza non cambia; tre punti per tutte: Napoli, Juventus, Lazio, Roma e Milan.

Copione rispettato a suon di goal meravigliosi, grandi giocate e quel pizzico di patos che non guasta mai.

Una giornata di campionato praticamente perfetta per chi non doveva perdere contatto dalle prime posizioni, caratterizzata da risposte importanti, che rimandano all’undicesima altri spunti idonei a chiarire quei dubbi, o quelle presunte risposte, avuti sul campo.

Le vittorie hanno aiutato un pò tutti gli allenatori ad allontanare qualche preoccupazione manifestata nei finali di gara e i gli attaccanti migliori hanno contribuito a cancellare quei difetti che ultimamente stavano evidenziandosi con una certa frequenza.

Sarri, Allegri, Inzaghi, Spalletti, Di Francesco e Montella hanno portato a casa il risultato, ma hanno capito perfettamente che c’è poco da scherzare in questo momento, perché anche le partite apparentemente già vinte, vanno gestite impeccabilmente prima di considerarle tali.

Poi, ovviamente, ognuno si gode le gioie del momento; chi parla di felicità come il tecnico nerazzurro e chi si arrabbia come Icardi per le distrazioni difensive, chi rimprovera troppa supponenza come Allegri e chi ritrova finalmente il goal come Higuain.

Ce n’è per tutti, per Di Francesco, che spera di rientrare nella lotta scudetto e per Sarri che si imbestialisce sul 2-3 e si gode il suo fuoriclasse belga.

Un insieme travolgente, per le emozioni positive e negative, che continuerà a tenere tutti sulla corda, cercando di sbagliare il meno possibile.

Anche Atalanta e Fiorentina stanno tornando a livelli importanti in campionato.

E se a queste si aggiungessero un Torino spento senza il suo bomber Belotti e il Sassuolo, che sembra lontano parente di quello dell’anno scorso, il torneo potrebbe davvero riservare sorprese decisive da qui alla fine.

Manca ancora tanto fino ad allora, ma è già tempo di cambiare l’ora.

 

 

Commenti