Calcio, nerazzurri in vetta al campionato: “Printer”

0
336

L’Inter ha vinto e ha guadagnato il primato in classifica, dando prova di essere non solo diventata una squadra, ma una delle più forti del campionato.

Il derby, e le vittorie un pò sporche delle scorse giornate, l’hanno fatto intuire; il pareggio col Napoli e il 3-2 alla Sampdoria l’hanno certificato inconfutabilmente.

La prestazione esibita per un’ora di gioco, con due goal e tre pali, è sicuramente la migliore delle prime dieci giornate; corsa, concentrazione, azioni da goal e aggressività anche sulle palle inattive.

I nerazzurri hanno fatto intendere di aver stretto un patto con il proprio allenatore e il pubblico l’ha fatto intendere ai giocatori, con applausi a scena aperta e standing ovation perfino a Nagatomo, autore di un match importante sotto tutti i punti di vista.

La squadra è compatta, unita, consapevole di avere delle qualità validissime, e in campo vuole dimostrarlo: non a parole, con i fatti.

L’Inter gioca, segna e subisce poco, ad eccezione di qualche distrazione fisiologica, come quelle contro la Sampdoria.

Spalletti, dal ritiro ad oggi, ha chiarito questioni tecniche rimaste in sospeso per molto tempo e ha compiuto un lavoro straordinario.

Ha recuperato giocatori fondamentali come Perisic, ha dato fiducia a tanti altri che già c’erano e ha consegnato le chiavi del centrocampo ai nuovi acquisti, responsabilizzandoli, ma con dettami tattici ben definiti, interpretati saggiamente da ognuno.

Chiunque componga il reparto sa cosa fare e prova quantomeno a farlo nel migliore dei modi; missione non sempre così semplice, ripensando alle annate passate quando spesso, proprio quelle, hanno spianato la strada delle tante sconfitte subite.

E invece c’è pensiero, logica, autostima, ed ora anche la libertà mentale di spingersi oltre la semplice giocata.

L’unione e l’equilibrio mostrato nelle ultime tre partite lasciano addirittura pensare che saranno davvero pochi gli avversari in grado di batterli.

Il vantaggio di non giocare le coppe può concretamente diventare un fattore in questa stagione.

E sebbene le distanze in classifica siano (per adesso) ovviamente risicate, gli impegni delle dirette rivali avranno un peso maggiore contro le certezze acquisite dai nerazzurri.

Che oggi sono state scritte in maiuscolo, presto potrebbero stamparsi a caratteri cubitali.

 

 

Commenti