Calcio: Napoli “sta senza penzieri”

0
540

Manca davvero poco a questa notte magica, piena di aspettative, carica di speranza e infuocata dalla passione di milioni di tifosi. E’ la partita dell’anno, quella che può annoverare questi giocatori nell’album dei ricordi più belli; un popolo che può rivendicare la regalità calcistica appartenuta ai grandissimi campioni del vecchio e nuovo testamento, da Pesaola, Vinicio e Sivori a Maradona, Cavani e Higuain.

Re, regni e storia di essi che ha fatto impazzire di gioia i napoletani esaltandone la napoletanità; fedeli e rivali acerrimi, spesso inchinati dinanzi alla magnificenza dello spettacolo messo in campo, hanno venerato le gesta di questi fuoriclasse, attendendo invano di poter rivedere altre prove ammirevoli, incantandosi al San Paolo o davanti alla tv.

Finalmente ci sono tutti gli ingredienti per preparare una partita dal sapore unico. Sarri può contare sul talento, sull’orgoglio, sul risultato dell’andata ancora ribaltabile e sulle sue capacità, che non son poche e che quest’anno ha dimostrato a tutti i critici che lo hanno atteso.

All’andata, negli spogliatoi, è stato Maradona a parlare alla squadra prima dell’ingresso in campo; domani non ce ne sarà bisogno, perché ciò che hanno fatto magnificamente in occasione del goal, deve fargli credere nelle loro abilità tecniche e convincerli che con la giusta concentrazione possono scardinare la difesa dei blancos, mai insuperabile fuori casa.

Non ci sono avversari imbattibili e la storia prima o poi restituisce qualcosa agli sconfitti. Nell’ultimo incontro con il Real Madrid, sono stati i partenopei ad abbandonare la competizione con un pareggio malsano che ha cancellato i sogni di tutti i tifosi.

Questa partita però è già iniziata; lo sanno bene loro con i capelli bianchi in testa e tutti coloro che hanno assaporato altre sconfitte nella vita, perché come recita una bellissima canzone di Franco Ricciardi intitolata “Uommene” se vuoi rispetto e non sei uomo, vieni da chi sa procurarselo.

Ecco perché domani chi calpesterà il terreno di gioco finalmente sarà uomo fino in fondo.  

 

Commenti