Calcio, Montella a casa Donnarumma: lui (quasi) a casa dall’Europeo

0
230

La pseudo trattativa per trattenere in rossonero il portiere del Milan non è stata scritta fino in fondo.

Manca ancora qualche passaggio, e forse, proprio uno come quello dell’ultimo brano musicale di Max Gazzè “sei un pezzo di me”, il cui ritornello potrebbe paradossalmente legarsi strettamente alla trama che ha caratterizzato la vicenda del rinnovo contrattuale.

Un tormentone che la canzone ripete fino alla noia per rimarcare il rapporto tra due individui, ma che l’autore ha probabilmente scelto per giocare sul doppio senso del titolo che, inevitabilmente, suggerisce anche ben altro durante l’ascolto.

Del resto nell’ambiguità in cui è riversata la verità delle azioni di tutti i protagonisti, l’amore e l’odio rappresentano benissimo i sentimenti contrastanti tra l’ambiente milanista e il procuratore del ragazzo, che ora silenziano qualsiasi contatto, ma che a breve torneranno a cantare e, chissà, a suonarsele di santa ragione.

Per il momento Montella, tenendo fede ad un foglio sottoscrittogli da Donnarumma poco prima della fine del campionato, con il quale confermava la permanenza al Milan e, approfittando della quiete dopo la tempesta, si è recato a casa dei genitori campani per saperne di più, schiarendosi le idee sulle volontà e il probabile destino che attende il ragazzo.

Ciò che appare evidente è il tentativo di ripristinare un rapporto tecnico e umano, per assicurare continuità nella crescita professionale garantendo, contestualmente, una competitività al club per la prossima stagione.

Perché se è vero che nell’immaginario collettivo Raiola potrebbe configurarsi un pezzo di qualcosa, Donnarumma, attualmente sotto contratto per un anno, è ancora un pezzo del Milan, anzi fino ad un mese fa, era il Milan per intero.

 

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here