Calcio: Magico, l’acronimo del campionato

0
357

Dopo i risultati delle ultime gare, il finale di stagione può riservare ancora colpi di scena che preludono piccanti sorprese e risultati impronosticabili.

Mentre il torneo pare magico per la parte alta della classifica, è ormai tragico per la bassa, che condanna quasi matematicamente le ultime tre ad una retrocessione inevitabile.

M come meraviglioso è riscoprire finalmente il senso di conquista di qualunque posizionamento; ancor più per le squadre che lottano punto a punto per piazzarsi nelle prime sei che garantiscono un posto in europa.

A come aleatorio appare l’esito di ogni partita, che offre spesso sorprese e mai certezze assolute. La sconfitta della Roma con il Napoli e le ultime vittorie del Milan, seppur in parte fortunose, garantiscono suspense e fiato sospeso per l’attesa dei piazzamenti finali.

G come giocato a viso aperto è il confronto delle prime della classe, i cui esiti finora hanno dimostrato sicuramente una buona qualità, ma soprattutto la volontà di non arrendersi come in passato, quando spesso le partite decisive ne hanno evidenziato maggiormente i limiti tecnici e mentali.

I come italiano è il palcoscenico forse più atteso dai competitor continentali, per la maestranza manifestata da allenatori come Allegri, Sarri, Spalletti, Montella, Pioli, Gasperini, Inzaghi, che quest’anno stanno salendo in cattedra, mettendo in luce tutte le loro abilità di conduzione tattica e caratteriale dei loro rispettivi gruppi.

C come ciclopico è il lavoro che sta caratterizzando le rimonte di Inter, Milan, Lazio e Atalanta, pronte a darsi battaglia nelle prossime giornate per guadagnarsi un posto in Europa League; partite con ambizioni di classifica differenti e trovatesi accomunate dal medesimo destino.

O come orrendo è il percorso delle ultime della classe, che mai sono state capaci di integrarsi nella realtà calcistica della categoria, lasciando un’onta di pochezza su quello che una volta era considerato il campionato più bello del mondo.

Tutto abbastanza corretto, però se l’acronimo di magico lascia preludere a qualcosa di buono, ora speriamo che ciò non compaia sommessamente solo nell’immaginario collettivo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here