Senza Dybala dall’inizio e con Douglas Costa, Matuidì e Sturaro inseriti per compensare qualità e quantità là in mezzo, la Juventus alterna buone cose ad errori di palleggio piuttosto grossolani.

E se il campionato, come ha ribadito Allegri alla vigilia, inizia oggi allora questa giornata ha evidenziato la novità più importante degli ultimi anni: la Juve non solo ha perso Bonucci, ma soprattutto potere, lasciando intendere agli avversari che non è più impenetrabile.

Gli strascichi della finale col Real persa a Cardiff non sono solo un lontano ricordo; rappresentano gli spettri di un momento storico che contrassegnerà, probabilmente, il passaggio di testimone a qualcuno che ancora non si è manifestato interamente, ma che presto lo farà sovvertendo definitivamente un ciclo vincente unico per la lotta al titolo.

Non c’è più grande qualità a centrocampo e forse neanche in difesa, con il solo reparto d’attacco che prova a cambiare la partita.

Vuoti di gioco che, alla lunga, metteranno in crisi l’allenatore (forse in parte responsabile delle scelte di mercato) e la società che ha riposto ancora fiducia nel suo operato.

La Juve dà l’impressione di non indirizzare più le partite; nonostante la presenza in campo di buoni calciatori appanni sostanzialmente questa immagine.

E’ lenta, prevedibile e speranzosa: non più convinta, determinata e cinica.

L’assenza del suo nuovo numero dieci dal primo minuto ha soltanto acclarato un domino di eventi che confermano una crisi abbastanza inquietante.

Una specie di involuzione della gestione tecnica e societaria che potrebbe semplicemente essere figlia di errori umani, perché non tutto si può sempre indovinare, ma che inevitabilmente porterà, nei prossimi incontri, a riflettere attentamente sulla bontà del lavoro svolto in estate.

Si dirà troppo presto per parlare, ma vincere il settimo scudetto sarà un’impresa, guadagnarsi un posto in finale di Champions League pressoché un sogno: l’idea di crederci “fino alla fine” praticamente l’ultimo grido dei tifosi.

Annunci

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here