Calcio, la curva della Lazio diserta Bologna: un pieno d’ignoranza

2
390

Non bisognerebbe sprecare neanche una parola per argomentare l’incredibile fatto di cronaca che ha scatenato un polverone attorno all’ambiente Lazio in questi due giorni.

Lotito ha dovuto fare di tutto per calmierare una situazione incresciosa e vergognosa che ha purtroppo coinvolto la sua squadra.

Addirittura tutto il movimento calcistico nazionale si è dato da fare, per contenere l’ondata d’ignoranza manifestata con quei volantini messi da deficienti patentati nella curva dell’Olimpico.

E’ stato calpestato un simbolo della storia recente come Anna Frank ed è stata data voce all’antisemitismo e ad un coro di persone spaventosamente ignoranti; ancora, per poco, parte integrante di una società che, se potesse, li espellerebbe dalla faccia della terra.

Uno scherno nei confronti della A.S. Roma è diventata invece l’occasione per tornare a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle vicende drammatiche di quel periodo storico; che più di qualcuno non conosce concretamente e tenta di utilizzare disinteressandosi dei valori contenuti dal punto di vista culturale.

E tutto ciò proprio nel momento in cui i biancocelesti di Inzaghi stanno restituendo al campionato italiano, e ai suoi veri tifosi, l’amore per questo sport.

Una stagione che la Lazio, assieme ad Inter, Napoli, Roma, e ovviamente la Juventus, stanno offrendo come non accadeva da anni, con spettacolo in campo e sugli spalti; con decine di migliaia di spettatori in tutti gli stadi ed altrettante sedute comodamente, sul divano di casa, a seguirle appassionatamente.

Una sinfonia perfetta, compromessa da qualche musicista cretino convinto di poter offendere gratuitamente la grandezza di questo sport, che oggi si ribella e i cori antisemiti li debella.

 

2 COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here