Calcio, Inter: dalla crisi allo scandalo

0
845
Foto LaPresse - Valerio Andreani 06 05 2017 Genova - (Italia) Sport Calcio Genoa vs Inter Campionato di Calcio Serie A TIM 2016/2017 - Stadio "Luigi Ferraris" nella foto: pioli stefano Photo LaPresse - Valerio Andreani 06 May 2017 City Genova - (Italy) Sport Soccer Genoa vs Inter Italian Football Championship League A TIM 2016/2017 - "Luigi Ferraris" Stadium in the pic: pioli stefano

Non c’è reazione, non c’è l’orgoglio, non c’è professionalità, c’è solo la parola fine: ad un progetto tecnico, a questo gruppo dirigente, alle ambizioni promesse, alle intenzioni di rilancio.

Se queste prestazioni sono la dimostrazione del valore di questi uomini, allora la società ha l’obbligo di cancellare il presente e pianificare il futuro senza l’attuale quadro dirigenziale e sportivo.

Uno scempio che sembra ormai indolore, al quale Pioli non può dare giustificazioni, perché incolpevole della pochezza morale dei protagonisti che scendono in campo, interpretando nella versione calcistica peggiore possibile ogni approccio a qualunque gara.

Contro un Genoa alla frutta non c’è stato alcuno spunto, alcuno strappo, alcuna voglia di far capire che c’è qualcosa di positivo, evidenziando unicamente la smisurata indisciplina caratteriale e tecnica che ha fatto infuriare chiunque abbia assistito alla partita.

Non c’è uno schieramento migliore dell’altro, non ci sono giocatori più bravi e meno bravi, c’è solo un gruppo di persone irresponsabili che indossano una maglia, casualmente nerazzurra, ma che potrebbe essere quella del Latina o del Pisa senza alcuna differenza.

Un’indecorosa gestione del proprio ruolo che segnala esclusivamente una strameritata bocciatura, che ci si auguri declini questi calciatori nelle serie minori di tutti i campionati d’Europa e del mondo.

Una stucchevole ed imbarazzante rappresentazione della professione, che non solo deve allarmare i tifosi, ma tutti gli appassionati di calcio, indugiando dinanzi all’idea che le scarse percentuali di qualificazione abbiano condizionato le ultime cinque gare giocate.

Non c’è nessun motivo per credere che non raggiungendo il quarto, o il quinto posto, la squadra abbia la licenza di presentarsi la domenica in campo mostrando un impegno inesistente.

Queste persone hanno perduto il buon senso, hanno messo in discussione la credibilità della professione di calciatore e hanno offeso milioni di appassionati, che per molte settimane hanno visto esattamente il contrario e oggi osservano increduli questa falsa reazione nervosa.

Se è vero che tutto ciò capita anche nelle migliori famiglie, allora oggi, dell’Inter, più di qualcuno potrà gridare allo scandalo.