Calcio, già si pensa al pallone d’oro: previsioni e revisioni

0
413

Non è neanche finita l’andata della semifinale di Champions col Monaco che già in molti pensano a chi assegnare il pallone d’oro 2017: Buffon o Cristiano Ronaldo?

Una discussione abbastanza banale, perché se è vero che la Juventus la finale l’ha strameritata, con il capitano della Nazionale in cima alla lista dei possibili candidati per vincerlo, a Cardiff deve ancora arrivarci, e in ogni caso, deve vincerla, mettendo la parola fine sulle interminabili discussioni di questi giorni, e di quelli che verranno, sui meriti e demeriti delle due squadre che lì si affronteranno il prossimo tre giugno.

Certo sulla bilancia c’è tanto da mettere: goal, parate decisive, prestazioni sempre di alto livello, massima concentrazione e una carriera costellata da trofei, che tradotta in numeri li favorisce più di tanti altri straordinari campioni.

Però si sa, prima di cantare vittoria bisogna ottenerla, e adesso è ancora presto per questo, mancando altre partite importanti per altri obiettivi concreti, completando il lavoro che arricchirebbe la loro bacheca personale e dei club che rappresentano.

Comunque il grosso è stato fatto, con successi in Champions League di grande prestigio come quelli contro Bayer Monaco e Barcellona, che da soli valgono il meritato pass per la finalissima di questa edizione.

Una cosa è certa: l’uno e l’altro hanno raggiunto quest’anno record difficilmente ripetibili.

Ronaldo, tra i tanti, è stato il primo calciatore a segnare 100 reti nella competizione continentale e 400 con la maglia del Real Madrid; Gigi, in compenso, può ricordare all’attaccante che ieri è stata la sessantesima partita in Champions su 100 senza subire gol.

Situazioni di gioco opposte, che evidenziano i caratteri dei fuoriclasse e che chiunque è pronto ad applaudire qualunque sia l’esito delle prossime gare.

C’è da giurare, a questo punto, che il duello possa concludersi proprio durante la prossima finale: ai calci di rigore.

 

Commenti