Burkina Faso senza pace: 30 morti nell’est del paese

Almeno 30 persone sono state uccise in un attacco islamista nel villaggio di Kodyel, al confine con il Niger.

0
479
Burkina Faso senza pace

Il Burkina Faso è senza pace. Uomini armati, nella giornata di ieri hanno condotto un attacco nella parte orientale del paese. Almeno trenta le vittime. I terroristi, affiliati ad Al Quaeda hanno raggiunto il villaggio di Kodyel a bordo di motociclette. Dopo aver assaltato la zona residenziale e incendiato le abitazioni, hanno condotto una vera e propria caccia all’uomo.

Burkina Faso senza pace: dov’è avvenuta l’ennesima carneficina?

Nella giornata di ieri, miliziani armati hanno assaltato un villaggio posto al confine con il Niger. Secondo le testimonianze, un centinaio di uomini armati avrebbero messo a ferro e fuoco il villaggio di Kodyel. Dopo aver incendiato le abitazioni, i terroristi avrebbero condotto una caccia all’uomo casa per casa, massacrando almeno 30 persone. Nel confermare l’attacco, le autorità regionali affermano che lo scopo dei jihadisti sarebbe stato quello di colpire una zona da tempo impegnata nella lotta al terrorismo. Molti dei combattenti che sostengono le forze governative contro i terroristi, infatti, provengono dalla regione orientale.

Burkina Faso senza pace: pochi giorni fa uccisi tre giornalisti europei

L’attacco di ieri è avvenuto a una settimana dall’ultimo, eclatante, fatto di sangue nel paese. Nel corso di un attacco contro le forze anti bracconaggio, infatti, uomini armati hanno ucciso 2 reporter spagnoli e un ambientalista irlandese. Negli ultimi anni i miliziani islamisti, appoggiati da Al Quaeda, hanno dato luogo a numerosi attentati. Migliaia i morti e più di un milione di sfollati. Gran parte dei miliziani responsabili degli attacchi provengono dal vicino Mali. Grazie all’utilizzo di motociclette riescono facilmente a superare le zone desertiche e a sfuggire ai controlli delle forze di sicurezza.

Burkina Faso senza pace: aumentano le violenze in tutto il Sahel

L’ormai insostenibile situazione del Burkina Faso si aggiunge al drastico aumento dell’instabilità in tutta la zona del Sahel. Negli ultimi anni le varie organizzazioni terroristiche islamiche hanno preso possesso della zona. Quasi tutta l’area ormai è sotto il controllo dei gruppi armati che, grazie ai finanziamenti di Al Qaeda e dello Stato Islamico, possono contare su un’ importante struttura logistica. Questo permette loro di organizzarsi e operare attacchi e carneficine nei paesi cofinanti, in particolare Burkina Faso e Niger.


Inferno Burkina Faso: in un attacco jihadista almeno 37 morti