Buffalo, New York: 10 morti in una sparatoria

Le autorità indagano per crimine d’odio

0
276
Buffalo, New York: 10 morti in una sparatoria

Gli Stati Uniti sono nuovamente teatro di una sparatoria di massa. A Buffalo, New York, un diciottenne ha aperto il fuoco contro un supermercato, uccidendo 10 persone. Il sospettato è ora in custodia. Le autorità stanno indagando per crimine d’odio.

Sparatoria a Buffalo, New York: cos’è successo?

Ennesima sparatoria negli Stati Uniti. Questa volta teatro della tragedia è Buffalo, città di New York. Un diciottenne bianco che indossava equipaggiamento militare e trasmetteva in live streaming su Twitch con una telecamera da casco ha aperto il fuoco con un fucile contro il supermercato Tops Friendly Market. Le autorità hanno riferito che nella sparatoria sono morte 10 persone e altre tre sono rimaste ferite. Undici delle vittime sono nere e due sono bianche. Joseph Gramaglia, il commissario di polizia di Buffalo, ha affermato che il sospetto ha ucciso nove clienti e un agente di polizia in pensione che lavorava come guardia di sicurezza armata. Stephen Belongia, agente speciale responsabile dell’ufficio sul campo dell’FBI di Buffalo, ha detto che la sparatoria è oggetto di indagine sia come “crimine d’odio che come caso di estremismo violento di matrice razziale”.

Il procuratore generale Merrick B. Garland ha affermato che l’FBI e il Bureau of Alcohol, Tobacco, Firearms and Explosives (ATF) stanno assistendo le autorità locali nelle indagini. Il Dipartimento per la sicurezza interna ha dichiarato in un post su Twitter che si sta “coordinando attivamente con tutte le agenzie locali, statali e federali pertinenti e continuerà a fornire il pieno supporto del Dipartimento”.

Un funzionario delle forze dell’ordine ha detto all’Associated Press che gli investigatori stanno esaminando se il diciottenne avesse pubblicato un manifesto online. La polizia di Buffalo ha rifiutato di commentare il documento, ampiamente diffuso online, nel quale sono presenti diverse convinzioni razziste, anti-immigrati e antisemite, incluso il desiderio di scacciare dagli Stati Uniti tutte le persone non di discendenza europea. Nel documento si legge che l’uomo ha affermato di aver tratto ispirazione dall’uomo che ha ucciso 51 persone in due moschee a Christchurch, in Nuova Zelanda, nel 2019.

Le dichiarazioni dei funzionari

“Spero sinceramente che questo individuo, questo suprematista bianco che ha appena perpetrato un crimine d’odio su una comunità innocente, trascorrerà il resto dei suoi giorni dietro le sbarre. E il cielo lo aiuti anche nell’altro mondo”, ha detto il governatore di New York Kathy Hochul. “Questo è il peggior incubo che qualsiasi comunità possa affrontare, e stiamo soffrendo e stiamo ribollendo in questo momento. La profondità del dolore che stanno provando le famiglie e che tutti noi stiamo provando in questo momento non può nemmeno essere spiegata”, ha affermato il sindaco di Buffalo Byron Brown.

Il mio cuore si spezza per le famiglie delle vittime nell’orribile e insensata sparatoria di oggi. La gente di New York dà il meglio di sé quando le cose vanno al peggio. Questo è un momento di solidarietà e sostegno per la gente di Buffalo. Pregate per loro e giurate di agire mentre impariamo di più”, ha invece detto l’ex governatore di New York Andrew Cuomo.

Il presidente Joe Biden ha affermato in una dichiarazione che lui e la first lady stavano pregando per le vittime e le loro famiglie. “Dobbiamo ancora saperne di più sulla motivazione della sparatoria di oggi mentre le forze dell’ordine fanno il loro lavoro. Tuttavia non abbiamo bisogno di nient’altro per affermare una chiara verità morale: un crimine di odio motivato da una matrice razziale è ripugnante per il tessuto stesso di questa nazione. Qualsiasi atto di terrorismo interno, compreso un atto perpetrato in nome di una ripugnante ideologia nazionalista bianca, è antitetico a tutto ciò che rappresentiamo in America”, ha detto Biden.


Leggi anche: New York: sparatoria nella metropolitana, diversi feriti