Budrio (Bologna) – Una badante ha spinto Igor il Russ ad uccidere il barista: il giallo degli orologi

0
807

Igor, il killer di Budrio, continua la sua fuga solitaria: il bastardo è introvabile

E in parallelo continuano le indagini. Recentemente è stata nuovamente chiamata in procura la moglie del barista ucciso il primo aprile, Davide Fabbri. E la signora Maria Sirica è stata colta da un malore. Successivamente, però, si è ripresa. A quel punto gli investigatori hanno iniziato a chiederle dei chiarimenti.
Vogliono capire, infatti, perché Igor abbia scelto proprio il bar della Riccardina per quella rapina sfociata in delitto: si tratta infatti di un posto isolato, con incassi modesti. Perché proprio là, dunque? La vedova non ha saputo rispondere, ma ha assicurato di non aver mai visto né conosciuto Norbert Feher prima di quella notte in cui il marito venne ucciso.


Un sospetto, come rivela alcune fonti, è che Igor volesse impossessarsi delle armi dell’uomo: Fabbri possedeva un fucile da caccia e due pistole, custodite nell’appartamento della coppia, sopra il bar dell’omicidio. Armi regolarmente detenute e denunciate. “Mio marito andava ogni tanto a sparare al poligono”, ha spiegato la signora. E insomma, qualcuno, potrebbe avergli riferito di quelle armi.


Vi è poi un secondo punto, passato sotto traccia fino ad oggi ma forse ancor più pesante, che riguarda una collezione di orologi di pregio e alcune pentole antiche che possedeva il barista. Oggetti di valore che potrebbero aver spinto Igor a scegliere proprio quel bar. Il suo obiettivo erano forse gli orologi? Una pista che gli inquirenti non possono escludere.
E sullo sfondo, resta un’ipotesi inquietante: una possibilità infatti è che una qualche badante potesse aver detto a Feher degli orologi. Alla vedova hanno chiesto dei nomi, che però non sarebbero trapelati. Infine, tra le ipotesi, c’è quella che Igor avesse avuto dissidi con dei ricettatori prima che quegli orologi finissero – legittimamente – nelle mani di Fabbri. Sospetti sui quali, a distanza di due mesi dall’omicidio, gli inquirenti continuano ad indagare.