Cosa succede se il Regno Unito decide di fare ostruzionismo per danneggiare la UE?

Jacob Rees-Mogg ha paventato la possibilità di poter esercitare questa opzione,proprio quello che preoccupava i ministri della UE.

In un tweet inviato venerdì, il principale conservatore dei Brexiteer ha affermato che se il primo ministro Theresa May sarà costretto ad accettare una lunga estensione dell’articolo 50, il Regno Unito dovrebbe essere “il più duro possibile” per punire Bruxelles.

Rees-Mogg ha detto che la Gran Bretagna potrebbe porre il veto sulle proposte di bilancio e ostacolare i piani di riforma di Emmanuel Macron.

A Bruxelles, queste dichiarazioni non sono state viste positivamente. In effetti, era esattamente la prospettiva che avrebbe infastidito Bruxelles.

Cosa succederebbe se il Regno Unito dovesse seguire la politica di Donald Trump nei confronti della UE durante questa nuova proroga? E se davvero iniziasse a causare problemi? La simpatica signora May potrebbe non farlo, ma Boris Johnson sì.

Il ministro di un importante paese membro dell’UE27 ha dichiarato: “La questione più importante ora è come ciò influenzerà l’UE. Vogliamo avere una soluzione molto ragionevole per il Regno Unito, ma il nostro timore principale è come influenzerà l’UE-27 “.

Se la Brexit viene posticipata di diversi mesi – piuttosto che fino al 30 giugno, come richiesto dalla May – apre una serie di possibilità politiche attualmente non disponibili: da un’elezione generale e un referendum, a un nuovo leader Tory .

“Potremmo lavorare in modo efficiente nei prossimi mesi con un paese che non è disposto a rispettare un accordo che è già stato firmato?”.

Non è solo una questione di irritazione,ma una lunga proroga potrebbe dare al primo ministro Brexiteer una nuova leva nei negoziati sulla Brexit, preservando la capacità del Regno Unito di stravolgere il funzionamento dell’Unione europea fino a quando non avrà successo?

” Possiamo mettere il funzionamento della UE nelle mani del Regno Unito? La gestione della UE deve essere presa in considerazione “, ha affermato il ministro.

Consapevole della prospettiva che il Regno Unito possa optare per una hard brexit,o che cerchi di intralciare la politica europea,il Consiglio europeo dovrebbe approvare entro breve una clausola che richiede una cooperazione “costruttiva e responsabile” da parte del Regno Unito durante questa proroga. Essa impone a Londra di “facilitare il conseguimento dei compiti (dell’UE) e astenersi da qualsiasi misura che possa mettere a repentaglio il raggiungimento degli obiettivi (dell’UE)”.

Il Regno Unito non è nuovo all’utilizzo di tali tattiche.

Alla fine degli anni ’90, l’ennesimo primo ministro Tory ostacolato dalle divisioni del suo partito sull’Europa – John Major – lanciò una strategia di sabotaggio per costringere l’UE a revocare il divieto della carne bovina britannica a seguito della crisi della mucca pazza.

Major aveva ordinato ai suoi ministri di bloccare le riforme di Bruxelles – anche quelle sostenute dagli inglesi – nel tentativo di costringere l’UE a tornare al tavolo dei negoziati.

La Gran Bretagna aveva già conquistato la reputazione di “ostruzionista” attraverso il suo allora ministro europeo, David Davis, che si guadagnò il soprannome di “Mr. No “per la sua diplomazia senza compromessi.

Il problema: la strategia fallì. Il divieto di carne bovina britannica durò per un lungo il periodo durante il quale Major e Davis erano in carica.

Il divieto mondiale di esportazione delle carni bovine britanniche è stato revocato dall’UE solo nel 2006 – 10 anni dopo la sua prima imposizione. Il laburista Tony Blair aveva vinto tre elezioni generali nel frattempo.

“Il problema fu che non era così efficace questa tattica”, ha detto un veterano Tory coinvolto nella vicenda.

In effetti, l’unica volta che un primo ministro britannico ha dato il veto del Regno Unito al Consiglio europeo si è dimostrato inutile. Nel 2011 David Cameron ha posto il veto a un cambio di trattato UE per affrontare la crisi della zona euro perché non poteva negoziare un opt-out per la City di Londra. Alla fine, il resto dell’UE trovò il metodo per fare ciò che voleva comunque, senza il Regno Unito.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here