Branching out: è possibile la comunicare con gli alberi?

0
976
comunicare con gli alberi

Gli alberi comunicano tra loro, immagazzinano ricordi e rispondono agli attacchi. Hanno un effetto profondamente positivo sulle nostre emozioni, ma possiamo sapere cosa provano per noi? Perché non possiamo comunicare con gli alberi nello stesso modo in cui comunichiamo, per esempio, con gli elefanti?

Comunicare con gli alberi è possibile?

La famosa memoria degli elefanti si trova anche negli alberi, ed entrambi comunicano in lingue che all’inizio non riconoscevamo nemmeno. Gli alberi comunicano attraverso i loro sistemi di radici interconnesse, e gli elefanti comunicano usando rimbombi a bassa frequenza al di sotto della gamma a cui possiamo sentire. Proviamo una sensazione di benessere quando passiamo le dita sulla pelle ruvida di entrambe le creature, e quello che ci piacerebbe soprattutto è ottenere una reazione da loro. È possibile una tale comunicazione tra le persone e gli alberi? Per prima cosa dobbiamo guardare più da vicino cosa intendiamo per “comunicare”. Non basta che ascoltiamo consciamente o inconsciamente, per così dire, i profumi che gli alberi usano per comunicare tra loro. Noi abbiamo una reazione fisica quando li respiriamo, ma perché la comunicazione avvenga, gli alberi devono anche reagire ai nostri segnali.

Come comunicare con gli alberi?

Gli alberi traspirano composti chimici. Noi siamo inconsciamente consapevoli di questi composti e rispondiamo con cambiamenti di pressione sanguigna. L’albero, da parte sua, non è consapevole della nostra risposta. Dopo tutto, non siamo in contatto con l’albero in alcun modo. E anche se abbracciamo l’albero e parliamo di campi elettrici, che è un modo in cui potremmo influenzarci a vicenda, c’è ancora un enorme ostacolo: il tempo. Gli alberi, come tutti sappiamo, sono terribilmente lenti. Si può moltiplicare il tempo che si impiega per entrare in contatto con l’albero per 10.000 per sapere quando ci si può aspettare una risposta.

La ricerca sulla comunicazione con gli alberi

Gli alberi immagazzinano ricordi, rispondono agli attacchi e trasferiscono la soluzione zuccherina, e forse anche i ricordi, alla loro prole. Tutte queste capacità suggeriscono che devono avere anche un cervello. Ma nessuno ha ancora trovato niente del genere. Il professor František Baluška dell’Università di Bonn si è occupato recentemente di questo. Da un po’ di tempo è convinto che le piante siano intelligenti. Dopo tutto, possono elaborare informazioni e prendere decisioni, ma la coscienza porta la discussione ad un altro livello. Baluška e i suoi colleghi hanno sedato le piante che hanno parti in movimento, come le trappole di Venere. Gli anestetici utilizzati dagli scienziati hanno disattivato l’attività elettrica in modo che le trappole non reagissero più quando venivano toccate. Queste piante sedate hanno mostrato cambiamenti simili nel comportamento. I loro viticci, che di solito si muovono in tutte le direzioni, hanno smesso di cercare e hanno iniziato a girare a spirale sul posto. Dopo che le piante hanno smaltito i narcotici, hanno ripreso il loro comportamento normale.

Le piante si sono svegliate come facciamo noi quando rinveniamo dopo un’anestesia generale?

Questa è la domanda critica, perché per svegliarsi c’è bisogno di una cosa sopra tutte le altre: la coscienza. Ed è stata proprio questa la domanda che un giornalista ha posto a Baluška. Mi è piaciuta molto la sua risposta: “Nessuno può rispondere a questo perché non si può chiedere [alle piante]“. Quando abbracci un albero, non succede niente di elettrico, perché le vostre tensioni sono le stesse. Ma l’albero potrebbe essere consapevole del tuo tocco in qualche altro modo? Tutto quello che dovete fare, per esempio, è accarezzare le vostre piante di pomodoro per qualche minuto ogni giorno ed esse rallenteranno la loro crescita verso l’alto e metteranno invece la loro energia nel far crescere steli più spessi. Questo, tuttavia, non è la pianta che dice di amarvi, ma piuttosto la pianta che reagisce a ciò che probabilmente sperimenta come una brezza.

La chiave per comunicare con le piante sta nelle radici?

Tuttavia, troviamo una grande sensibilità in una parte completamente diversa dell’albero: le sue radici. A questo livello, l’albero si fa strada nel terreno con le punte delle radici, che contengono strutture simili al cervello. Le punte delle radici sentono, assaggiano, testano e decidono dove e quanto lontano le radici viaggeranno. Se c’è una pietra sulla strada, le punte sensibili la notano e scelgono un percorso diverso. La sensibilità al tatto che gli amanti degli alberi cercano non si trova quindi nel tronco, ma sottoterra. Se è possibile stabilire un contatto, le radici sono il primo posto dove provare. Tuttavia, non amano né la pressione né l’aria fresca – e quindi non ha senso esporre queste tenere strutture, perché anche 10 minuti al sole significano la morte dei loro tessuti.


Orologio molecolare degli alberi: come crescono i giganti?

Il battito cardiaco degli alberi

Ciò che il sangue è per le persone, l’acqua è per gli alberi. Il dottor András Zlinszky dell’Istituto Limnologico Balaton di Tihany, Ungheria, sta facendo luce sulla questione. Alcuni anni fa, lui e i colleghi finlandesi e austriaci hanno notato che le betulle sembrano riposare di notte. Gli scienziati hanno usato il laser per misurare gli alberi in notti tranquille. Hanno notato che i rami pendevano fino a 10 cm più in basso, tornando alla loro posizione normale quando il sole sorgeva. I ricercatori hanno iniziato a parlare del comportamento del sonno negli alberi. Zlinszky non riusciva a togliersi dalla testa questa scoperta, e decise che doveva indagare ulteriormente. Lui e un collega, il professor Anders Barfod, misurarono altri 22 alberi di specie diverse. Ancora una volta, hanno documentato l’ascesa e la caduta dei rami, ma questa volta alcuni cicli erano diversi. I rami cambiavano posizione non solo la mattina e la sera, ma anche ogni tre o quattro ore. Era concepibile che gli alberi facessero movimenti di pompaggio a questi intervalli regolari? Dopo tutto, altri ricercatori avevano già determinato che il diametro del tronco di un albero a volte si riduce di circa 0,05 mm prima di espandersi nuovamente. Gli scienziati erano sulle tracce di un battito cardiaco che utilizzava le contrazioni per pompare l’acqua gradualmente verso l’alto? Un battito cardiaco così lento che nessuno l’aveva notato prima? Zlinszky e Barfod hanno suggerito questa come una spiegazione plausibile per le loro osservazioni, spingendo gli alberi un passo avanti verso il regno animale.

Un ultimo modo possibile per comunicare con gli alberi: le nostre voci

Le piante possono sentire? Posso rispondere senza esitazione in modo affermativo. Questo è stato testato anni fa con l’Arabidopsis, un genere di crescione amato dagli scienziati. Amato perché cresce bene, si riproduce rapidamente ed è facile tenere traccia dei suoi geni. Gli scienziati hanno scoperto che le radici dell’Arabidopsis si orientano verso i clic nella frequenza di 200Hz e poi crescono in quella direzione. L’Arabidopsis sembra anche reagire al morso dei bruchi, un suono minaccioso per le piante di tutte le specie. I ricercatori dell’Università del Missouri hanno messo dei bruchi su dei campioni di piante. Le vibrazioni causate dai bruchi che sgranocchiavano erano sufficienti a scuotere gli steli delle piante, e i ricercatori hanno usato dei raggi laser per registrare le vibrazioni. Quando i ricercatori hanno poi fatto ascoltare queste vibrazioni a piante che non venivano mangiate, queste producevano quantità particolarmente grandi di sostanze chimiche difensive quando venivano successivamente attaccate. Il vento e altri suoni con la stessa frequenza non hanno suscitato una reazione. L’Arabidopsis, quindi, può sentire, e questo ha perfettamente senso. Grazie agli avvertimenti acustici, è in grado di riconoscere il pericolo ad una certa distanza, in modo da poter fare i preparativi appropriati per difendersi. Ciò che è particolarmente importante qui è che le piante ignorano i rumori che non rappresentano una minaccia per loro. Questi rumori probabilmente includono le voci umane. Che peccato.