Botanical Rhapsody: urban art al Parco del Valentino

All'evento urban artist hanno realizzato sulla recinzione dell'Orto botanico una Hall of fame di graffiti e murales

0
238
Botanical Rhapsody
La recinzione con le opere di arte urbana di Botanical Rhapsody

Si è svolta dal 26 al 29 aprile al Parco del Valentino, nei pressi dell’Orto Botanico di Torino, Botanical Rhapsody. Urban art hall of fame for EuroVision. La manifestazione aveva l’obiettivo di promuovere l’arte attraverso interventi di Graffiti-Writing e Urban Art per l’apertura dell’Eurovision Village.


Arte urbana: inventato un gel che permette di preservarla


Che interventi ha promosso Botanical Rhapsody a Torino?

La street culture, nelle sue declinazioni visuali e musicali, ha incontrato i temi della sostenibilità ambientale e del verde pubblico. Quindi ha prodotto un intervento di ri-fuzionalizzazione e ri-semantizzazione finalizzata a sviluppare rigenerazione urbana. Nato da un’idea dell’assessorato alla Cura della città e del Verde pubblico, l’evento intendeva recuperare la recinzione metallica dell’Orto Botanico del Parco del Valentino. Per l’opera l’amministrazione ha optato per una Hall of fame di Urban Art e Graffiti-Writing condotta da affermati writer e urban artist e neo artisti torinesi. L’evento, organizzato da “TO SHAPE – Torino Urban Art District”, ha il patrocinio della Città di Torino in collaborazione con Torino Creativa e Fondazione per la Cultura Torino. Ha contribuito alla manifestazione Fondazione Contrada Torino Onlus, coordinata dai collettivi artistici “Il Cerchio e le Gocce” e “Monkeys Evolution” e curato da Roberto Mastroianni.

Hall of fame di Urban Art

La recinzione, destinata a essere poi rimossa, è diventata una grande tela. Interventi pittorici figurali e scritturali a tema green & music hanno dato forma a una galleria temporanea di opere d’arte accanto a tag autoriali già presenti. I lavori realizzati saranno visibili nel periodo di EuroVision Song Contest 2022 e rimarranno nel Parco fino a che la barriera non sarà rimpiazzata da un’inferriata d’autore. Quindi le opere saranno messe all’asta e il ricavato destinato alla piantumazione di nuovi alberi nel Parco del Valentino con l’iniziativa Regala un Albero. L’Assessore Francesco Tresso e la Direttrice dell’Orto Botanico, Consolata Siniscalco parlano del progetto. “Abbiamo pensato di organizzare un evento preparatorio a Eurovision che unisca bellezza e musica, in cui l’arte urbana incontra i temi della sostenibilità ambientale. Liniziativa inoltre insegna come si possa dare valore a una cancellata deteriorata che diventerà prima opera d’arte e infine nuovo verde per il Parco”.

Gli artisti di Botanical Rhapsody

Gli artisti che hanno partecipato alla realizzazione dell’intervento sono: CI.MA.A.A., Corn79, Giga, Martello Pasquale, Mmmarta, MrFijodor, NO reason art, Pilo, Sheko, Supe, Theory, Wat, Zeta.

To Shape

‘To Shape – Torino Urban Art District’ è la ‘galleria a cielo aperto’ della Città di Torino. Raccoglie l’eredità dei lavori di: Murarte, Street Attitudes, Pareti a Arte, Porte a Arte, Picturin, B.art, TOward, SAM-Street Art Museum. Ci sono anche: MAU-Museo Arte Urbana, Spazio Portici-Percorsi Creativi e le azioni artistiche all’interno di Parco Dora. È una visione nuova dell’arte che pone la street art, il muralismo e l’urban art al centro e la identifica come motore di sviluppo. Il progetto di Torino Creativa, Fondazione Contrada Onlus e Giovani Artisti Italiani è realizzato anche col sostegno di Compagnia di San Paolo.

Un progetto per promuovere la creatività dei giovani

L’iniziativa dà merito alle opere già esistenti, realizzate nel territorio negli ultimi 20 anni, e sarà il punto di riferimento per gli interventi futuri. Un’azione di valorizzazione con uno sguardo al domani che riconosce la creatività giovanile come asse trainante di sviluppo economico per incentivare le professioni artistiche. Uno spazio di innovazione imprescindibile anche all’interno del mondo dell’arte. Ieri, 29 aprile alle 12 nei pressi dell’Orto Botanico gli artisti hanno presentato il progetto a giornalisti e istituzioni.

Immagine da cartella stampa.