Bossolà bresciano: versione classica e vegana

Ecco la ricetta di un dolce tipico di Brescia

0
1407
Bossolà

Aria di Natale. Nonostante la situazione corrente, pare che ormai Babbo Natale stia cominciando a far percepire la sua aura magica. Quale periodo migliore per preparare qualche leccornia per Santa Claus? Quest’anno potremmo fargli trovare un dolce originale. O in versione classica, o in una variante vegana. Andiamo dunque alla scoperta del bossolà bresciano.

Che cos’è il bossolà?

Come si potrà intendere dall’introduzione, stiamo parlando di un dolce della tradizione bresciana. Dall’aspetto potrebbe sembrare un ibrido fra un ciambellone e il pandoro. In effetti, la forma è del primo, mentre la consistenza è propria del secondo. Ecco perché ci troviamo di fronte a una torta perfetta per il periodo natalizio. A differenza del pandoro e del panettone, la preparazione è parecchio più semplice. Cucinare la versione vegana richiede giusto qualche cambio d’ingrediente. Nessun procedimento aggiuntivo.

Una ricetta difficile?

Di certo non stiamo trattando un dolce di comune consumo. La sua messa a punto richiede dedizione e pazienza. “È il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante”, affermava il Piccolo Principe di Antoine De Saint-Exupéry. Questo ragionamento vale per qualsiasi aspetto della nostra vita. E, in particolare, per ciò che intendiamo coltivare. Per quei lati dell’esistenza che ci faranno crescere e cresceranno insieme a noi. Rendendoci soddisfatti. Ciò può valere anche per una semplice ricetta. Il cibo non ha affatto un ruolo marginale nella quotidianità. Gli alimenti con i quali ci nutriamo determinano la nostra salute fisica e mentale. Ecco perché è importante prendersi cura del nostro corpo attraverso il nutrimento. Vediamo dunque la preparazione del bossolà.

Ingredienti per il primo impasto:

  • 135 grammi di farina bianca 0 o 00;
  • 40 grammi di zucchero semolato;
  • 40 grammi di burro o burro vegetale/margarina;
  • Un uovo oppure 100 grammi di fecola di patate o amido di mais sciolto in acqua calda.
  • 40 grammi di lievito di birra;

Ingredienti per il secondo impasto:

  • 260 grammi di farina 0 o 00;
  • 50 grammi di zucchero semolato;
  • 50 grammi di burro o burro vegetale/margarina;
  • Due uova oppure 150 grammi di fecola di patate o amido di mais sciolto in acqua calda.

Ingredienti per il terzo impasto:

  • 500 grammi di farina 0 o 00;
  • 150 grammi di zucchero semolato;
  • 145 grammi di burro o burro vegetale/margarina;
  • 7 grammi di sale;
  • 5 grammi di vanillina;
  • 6 uova oppure 250 grammi di fecola di patate o amido di mais sciolto in acqua calda.

Preparazione del primo impasto:

Versare la farina su una spianatoia formando una fontana. Dentro al “cratere” formatosi aggiungere il lievito sciolto in acqua tiepida insieme a una punta di zucchero. Addizionare anche il burro o la margarina ammorbiditi e lo zucchero. Amalgamare il tutto fino a ottenere un impasto liscio ed elastico. Dopodiché lasciare lievitare per un’ora.

Preparazione del secondo impasto:

Eccoci al secondo passo per preparare il bossolà. Assemblare la farina e lo zucchero. Formare di nuovo la fontana. Aggiungere le uova oppure il composto di amido o fecola e il burro ammorbidito. Unire il primo impasto. Impastare il tutto energicamente all’incirca per un quarto d’ora. A questo punto lasciare lievitare per due o tre ore.

Preparazione del terzo impasto

Mescolare tutti gli ingredienti impastando per circa un quarto d’ora. Unire l’impasto lievitato e lavorare con forza il composto per un ulteriore quarto d’ora. Porre in una teglia, dove lascerete riposare il tutto per circa mezz’ora. Adesso possiamo cuocere il nostro bossolà in forno preriscaldato a 190° per circa 40-45 minuti. Una volta raffreddato, spolverare il dolce con lo zucchero a velo. Ecco che allora possiamo gustarci questo dolce natalizio. Questa torta si sposa bene con una bevanda calda, magari a merenda o a colazione. Ad ogni modo, la possiamo assaporare in ogni momento della giornata. In modo da concederci un abbraccio culinario. In questi tempi nei quali l’affetto può, in certi casi, definirsi utopico.


Mini cheesecake vegane senza cottura