Borse da donna iconiche in esposizione: “Bags Inside Out”

0
538
Borse da donna iconiche

Borse da donna iconiche: nel corso della storia contemporanea i modelli si accavallano e ve ne sono davvero molti. Borse che passano alla storia per il loro design d’avanguardia e peculiarità estetica. A Londra, presso il V&A museum si trovano in esposizione i modelli di borse da donna più belli e rappresentativi. L’intera mostra è dedicata a questo accessorio fondamentale nella vita di ogni donna, che custodisce gli oggetti di cui non può fare a meno. L’esposizione rivela come la borsa muti a seconda delle epoche e dello status sociale di chi la possiede. Evidenzia l’evoluzione dei design e delle forme, di pari passo con l’avanzare dei tempi. Insomma, un’esposizione a dir poco interessante che offre uno spaccato illuminante sulla storia di questo accessorio essenziale.

Borse da donna iconiche: quali sono i modelli più belli?

La curatrice della mostra presso il Victoria & Albert Museum di Londra, descrive, delineandone i tratti più rappresentativi, i modelli che hanno letteralmente fatto la storia. Si tratta di pezzi unici di grande valore, che hanno segnato un’epoca. In primo luogo la “Vanity case di Lacloche Frères“, una borsa gioiello. Ha la forma di un beauty case, impreziosito con diamanti, turchesi e madreperla. Non bisogna pensare però che la sua funzione fosse unicamente decorativa. Infatti, oltre all’impeccabile cura del design, si cela un spazioso interno fatto di piccoli scomparti. Dunque, un accessorio bello e funzionale. Come non citare poi, l’iconica “Stardust“, Wilardy Originals? Una borsetta dal formato inusuale, e per questo peculiare. Resa nota e celebre da attrici quali Liz Taylor e Marilyn Monroe, fa parte di una categoria che si inserisce nel settore degli accessori di lusso.

La birkin di Hermès e molto altro

La “Birkin” di Hermès non ha bisogno di grandi presentazioni. Infatti, è tra i modelli più celebri a livello mondiale. Il primo modello, che inaugura la fortunata categoria, risale al 1984, ed è un’opera di Jean-Louis Dumas per la cantante inglese Jane Birkin. La Birkin nasce nell’ottica di concepire un modello elegante, in pelle, ed altrettanto spazioso ed ampio. Per portare con sé la comodità “in abito da sera”, durante la routine quotidiana. Chi non ricorda la “Safety Pin” di Gianni Versace? Un modello iconico e originale, un autentico pezzo da collezione. Questa borsa racchiude in sé l’essenza di quella indimenticabile sfilata, in cui presero parte alcune tra le più famose top model da Naomi Campbell a Kate Moss.

Borse da donna iconiche: le “It bag”

Nel periodo compreso tra gli anni Novanta ed i primi anni del Duemila, le borse delle griffe più celebri venivano soprannominate dalla stampa del settore “It bag”. Dior, Fendi, Chloé, e molti altri sulla medesima scia, vedevano andare letteralmente a ruba i propri modelli. Accaparrarsene uno significava davvero “essere all’ultima moda”. E se è vero che la moda fa bene all’anima, poche volte come in questo caso, è stato così evidentemente dimostrato! In particolar modo, la “Paddington” di Chloé, con l’iconico lucchetto di grandi dimensioni sulla fibbia, fece impazzire gli appassionati. Morbida e flessibile, è l’ideale per essere trasportata al braccio durante la giornata. Infine, la “Graffiti Keepall 50” di Louis Vuitton, collezione Primavera Estate 2001, anno in cui il direttore creativo era ancora Marc Jacobs. Si tratta di uno tra i primi esempi della fruttuosa collaborazione tra Louis Vuitton ed esponenti di movimenti artistici. In questo caso, i graffiti di Stephen Sprouse.