Borsa in rosso, spread in rialzo

0
369

I maggiori indici di Borsa Italiana e le principali piazze finanziarie europee hanno terminato la seduta del 17 febbraio 2021 in territorio negativo, con Piazza Affari che ha perso oltre un punto percentuale

Il FTSEMib ha terminato la giornata con un calo dell’1,12% a 23.179 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 23.122 punti e un massimo di 23.453 punti. Il FTSE Italia All Share ha perso l’1,09%. Segno meno anche per il FTSE Italia Mid Cap (-1,31%) e per il FTSE Italia Star (-1,64%).

 Nella seduta del 17 febbraio 2021 il controvalore degli scambi è salito a 2,31 miliardi di euro, rispetto ai 2,02 miliardi di martedì; sono passate di mano 648.191.540 azioni (784.426.600 nella seduta di martedì). Su 443 titoli trattati, 290 hanno registrato una performance negativa, mentre i rialzi sono stati 118; invariate le restanti 35 azioni.

Spread in lieve peggioramento

Giornata di lieve peggioramento per lo spread tra Btp a dieci anni e Bund tedesco: il differenziale ha concluso la seduta sui mercati telematici a 95,3 punti base rispetto ai 92 dell’avvio odierno e della chiusura della vigilia.
 Il titolo del Tesoro segna un rendimento finale dello 0,583%, ma in corso di contrattazioni è salito di qualche frazione oltre quota 0,6%.

In generale ribasso i bancari


 Secondo una ricerca elaborata da DBRS Morningstar nel quarto trimestre del 2020 le principali banche italiane quotate a Piazza Affari (UniCredit, IntesaSanpaolo, BancoBPM, Banca MPS e BPER Banca) hanno contabilizzato una perdita aggregata complessiva di 2,4 milia di euro, il doppio rispetto agli 1,2 miliardi riportati negli ultimi tre mesi dell’esercizio precedente. Gli esperti hanno segnalato che i risultati degli istituti sono stati penalizzati dall’impatto della pandemia da Covid-19, che ha comportato maggiori accantonamenti per perdite su crediti  revisione dei valori di avviamento e ulteriori costi di ristrutturazione.

Commenti