Bonus di merito per diplomati è in caduta libera: da 1000 a 255 euro

0
159
Bonus di merito per diplomati ammonta a 255 euro.

Era stato introdotto nel 2007 dall’allora Ministro della Pubblica Istruzione Giuseppe Fioroni per premiare gli studenti che riuscivano a diplomarsi con il massimo dei voti, e dopo appena 13 anni si è pesantemente ridotto. Si tratta del bonus di merito per i diplomati con 100 e lode che, nelle sue fasi iniziali, ammontava a ben mille euro. Col tempo, però, gradualmente l’importo è stato ridotto, e per quest’anno scolastico dovrebbe essere di appena 255 euro per ognuno dei circa 7mila maturandi che dovrebbero concludere il percorso di studi con il massimo dei voti, presentando tutti i requisiti per ricevere il sussidio.

Esame di maturità 2020: l’orale è ancora una grande incognita

Una cifra che attualmente risulta a dir poco irrisoria, soprattutto se si considera che, ad oggi, tutti i giovani che raggiungono la maggiore età ricevono quasi il doppio del denaro dallo Stato, ossia 500 euro. La questione del tracollo del bonus di merito per i diplomati è legata principalmente a due fattori: l’aumento negli anni del numero degli alunni eccellenti e il taglio del budget a disposizione del MIUR per finanziare il progetto. Bisogna sottolineare che questo tracollo è stato lento e piuttosto graduale: già nel 2009 (dunque a due anni dall’introduzione della misura) venne ridotto a 650 euro.

Giuseppe Fioroni, Ministro dell’Istruzione nel 2007.

Quindi nel 2013 scese ulteriormente a 500 euro, per poi passare ai 300 euro del 2018. E, con l’inizio dell’anno scolastico 2019/2020, si è verificata l’ulteriore riduzione ad appena 255 euro. Nel frattempo, paradossalmente i diplomati meritevoli sono aumentati, passando dai 3.073 del 2007 ai circa 7.300 dello scorso anno. Quest’ottimo riscontro per il comparto dell’istruzione italiana non è stato accompagnato, però, da una conferma dei fondi spesa per coprire i costi del provvedimento varato 12 anni fa dal Ministro Fioroni. Il Fondo destinato a tutte le eccellenze negli studi è sceso, infatti, a 1,7 milioni di euro.

Bonus di merito per diplomati, la Ministra Azzolina assicura: «Miglioreremo il programma»

Lo Stato, in questi anni, probabilmente quando ha tagliato i fondi destinati al bonus di merito per i diplomati non ha tenuto conto degli sforzi che questi ragazzi devono compiere durante la carriera scolastica per ottenere il sussidio. I requisiti sono giustamente rigorosi, e prevedono che per ottenere la lode al termine dell’esame di maturità bisogna innanzitutto raggiungere il punteggio massimo in tutte le prove. Inoltre bisogna essere in possesso di una media voto superiore al 9 negli ultimi tre anni, senza che in pagella compaia nemmeno un 7.

La Ministra Azzolina rassicura gli studenti.

Il quotidiano Repubblica ha riportato un recente intervento dell’attuale Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina, la quale ha dispensato ottimismo e ha voluto rassicurare gli studenti italiani, affermando che la valorizzazione delle eccellenze scolastiche rappresenta un dovere. Ha aggiunto che il MIUR non dovrà concentrarsi solo sul bonus di merito per i diplomati, ma dovrà provvedere ad ampliare il suo raggio d’azione, introducendo campus estivi, borse di studio per garantire ai giovani di livello che magari non hanno grosse disponibilità economiche di accedere all’università. Tutto ciò per far sì che i ragazzi si rendano conto che: «Lo Stato è loro vicino».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here