Bonus di 450 euro al personale della scuola: la proposta

Il sindacato Anief ha proposto l'introduzione di 450 euro destinato ai lavoratori della scuola a rischio contagio Covid.

0
592
Bonus di 450 euro

Bonus di 450 Euro al mese per lavoratori rischio Covid. A richiederlo sono le organizzazioni sindacali dei lavoratori della scuola. In particolar modo riguarderebbe docenti e personale Ata. Un premio da inserire in busta paga, che dovrebbe compensare il maggior rischio che corrono.

In che cosa consiste il bonus di 450 euro

Il sindacato Anief ha proposto l’introduzione di 450 euro destinato ai lavoratori della scuola a rischio contagio Covid. “Il personale va tutelato con il riconoscimento del rischio biologico, indennità specifiche, nuove regole per mobilità e pensionamenti, chiare disposizioni per lavoratori agili” ha sottolineato il presidente dell’Anief. “Come sindacato siamo pronti a parlarne al tavolo per il rinnovo del contratto. La scuola è già precaria basta più supplenti, devono essere stabilizzati senza aspettare i nuovi concorsi. Potrebbero essere 450 euro gli aumenti mensili“, ha aggiunto Marcello Pacifico in una intervista.

Leggi anche: Bonus PC, Internet e Tablet fino a 500 euro

Bonus fino a 4.000 euro per chi si sposa in Puglia e Sardegna

Bonus fino a 4.000 euro per auto moto e scooter elettrici senza rottamazione

Di quanto potrebbe aumentare lo stipendio

L’indennità giornaliera proposta ammonta a 300 euro, declinato sotto forma di aumento di stipendio pari a 10 euro al giorno, per indennità di rischio. A queste si aggiungono i 100 euro già stanziati dalla precedente legge di bilancio. Ulteriori 50 euro, potrebbero essere previsti nella prossima nota di aggiornamento del DEF. Da qui il totale del bonus in busta paga di 450 euro. L’incentivo, però potrebbe essere rivolto a docenti e personale Ata, potenzialmente più esposti al rischio di contrarre il Covid.

Fenomeno di “burn-out” per chi insegna

Purtroppo la situazione dei contagi non è destinata a migliorare nel breve periodo. Anzi Pacifico ipotizza che peggiorerà perché i test rapidi permetteranno di scoprire subito gli asintomatici. Da queste premesse prende le mosse la richiesta di un bonus sullo stipendio di insegnanti e personale ATA, proprio come accade per medici e infermieri. In sintesi il bonus da 450 euro servirebbe proprio per indennizzare il rischio contagio. Anche in virtù del fatto che pur essendo obbligatoria l’uso della mascherina a scuola, il nuovo decreto prevede la possibilità di essere tolta al banco dagli studenti.

Commenti