Bonus Bebè 2020: ecco come funziona

0
424
bonus bebè 2020

E’ stato confermato il bonus bebè per il 2020 e il suo calcolo sarà effettuato in base al reddito, mentre per per il 2021 si punta all’assegno universale, continuativo per ciascun figlio, dalla nascita all’età adulta.

Gli aiuti alle famiglie nel 2020

Sul fronte degli aiuti alle famiglia, il governo Conte, si sta muovendo su due iniziative: una operativa dal 1 gennaio 2020 e una programmata per l’inizio del 2021.

“Intendiamo sostenere le famiglie nelle spese di carattere educativo e formativo, a partire dalla prima infanzia fino al raggiungimento dell’età adulta: in tale direzione si collocano già le scelte, ancora di carattere embrionale e parziale, fatte in legge di bilancio in discussione e in particolare l’assegno di natalità per 12 mesi, esteso a tutti i nuovi nati o adottati nel 2020: rappresenta un primo embrione dell’assegno universale, strutturale e continuativo per ciascun figlio, dalla nascita all’età adulta, che vogliamo costituire e rendere operativo a partire dal 2021” ha detto la ministra per le Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, in audizione davanti le Commissioni riunite Affari costituzionali, Lavoro e Affari sociali della Camera.

“Con il collegato alla manovra di bilancio – ha continuato – intendiamo strutturare una forma di sostegno per ogni figlio con una erogazione mensile che non solo riorganizzi le misure a oggi in essere, più frammentate e non strutturali, ma che riconosca pienamente il contributo sociale che le famiglie danno al Paese, nella cura e nell’educazione dei figli. Una misura che abbia il carattere di universalità, ma con impatto progressivo a sostegno dei nuclei più deboli”.

Cos’è l’Assegno unico per ogni figlio

Non siamo riusciti a mettere in campo un assegno per tutti i figli, cosa che faremo dal 2021, perchè siamo persone responsabili: una misura di questo tipo – ha proseguito Bonetti – ha necessità di una strutturazione e di una riorganizzazione in maniera fiscale e di contributi alle famiglie che non può rischiare di andare a essere fatta in modo approssimativo”.

 “Abbiamo comunque costruito un fondo già attivo, dal 2021, di più di 1 miliardo, che andrà implementato: mi auguro che le politiche che sono state negli anni scorsi avanzate a sostegno, in particolare, delle generazioni anziane possano essere spostate a maggior vantaggio delle nuove generazioni e delle famiglie. Non sarà una decisione governativa, ma di carattere parlamentare”, ha concluso il ministro.

“Su 7 miliardi a disposizione in legge di bilancio, come governo, perchè gli altri 23 erano utilizzati per bloccare l’aumento dell’IVA, ben più di 600 milioni (l’8,5%, ndr) sono stati destinati a risorse aggiuntive al capitolo politiche familiari, misure già esistenti che noi abbiamo allargato, incentivato e modificato per quel blocco amministrativo che ci avrebbe impedito di renderle attuali dall’1 gennaio 2020. Abbiamo allargato la platea e aumentato in modo consistente le risorse stanziate” ha spiegato Bonetti.

Bonus bebè 2020

Il bonus bebè diventa un assegno universale natalità che andrà a tutti i nuovi nati: mentre la legge di bilancio precedente prevedeva 80 euro per le famiglie con meno di 25 mila euro di Isee, abbiamo garantito 120 euro per le famiglie che vanno dai 7 ai 40 mila di Isee, che coprono il 90% circa delle famiglie del nostro Paese; abbiamo mantenuto i 160 euro alle famiglie sotto i 7 mila euro di Isee” ha spiegato Bonetti.

“Il fondo asili nido, che prima era solo di 1500 euro, è stato raddoppiato per il 60% delle famiglie del nostro Paese: sarà di 3 mila euro annui, non 1500, 2500 euro per le famiglie tra i 25 mila e i 40 mila euro di Isee e 1500 euro per le restanti famiglie”, ha concluso.

Prorogato il bonus mamma domani

Il bonus mamma domani 2020 è un sussidio economico che viene erogato alle mamme o anche alle donne in stato di gravidanza. La misura è entrata in vigore nel 2019 e verrà prorogata per il 2020 grazie alla nuova Legge di Bilancio.

Si tratta di un aiuto economico di 800 euro, una sola volta, destinato ad aiutare le mamme a poter affrontare più serenamente la gravidanza e le spese dignostiche di quei nove mesi, ma può essere usato anche per gli acquisti per il neonato. Può essere richiesto dalle donne in stato di gravidanza che partoriscono o che hanno partorito nel corso del 2019 che soddisfino alcuni requisiti sepcifici: devono essere cittadine comunitarie o di origine italiana che abbiano comunque residenza in Italia; donne con cittadinanza non comunitaria, ma che siano rifugiate politiche o sotto protezione sussidiaria; cittadine non comunitarie ma con permesso di soggiorno UE per lungo periodo.

Il bonus può essere richiesto solo se si rientra in uno di questi casi: il settimo mese di gravidanza è già stato compiuto; la donna ha partorito, anche prima dell’ottavo mese di gestazione; adozione nazionale o internazionale di un minore; affidamento preadottivo nazionale o internazionale.

Commenti