Arriva dal capoluogo dell’Emilia-Romagna la richiesta per la candidatura dei portici di Bologna come patrimonio dell’umanità

Era il 1999 quando i Lunapop nella canzone 50 Special elogiavano i famosi “colli bolognesi”, mentre oggi, a 20 anni di distanza la candidatura all’UNESCO arriva per un altro punto forte della cittadina emiliana. In totale sono 42 i chilometri di portici che la caratterizzano e la candidatura è prevista da qua a due anni, nel 2021.

Come funziona la candidatura all’UNESCO?

Nel 2006, tredici anni fa, Bologna ha inserito i suoi portici nella tentative list italiana, ovvero una lista con tutti i siti candidati a diventare patrimonio mondiale dell’UNESCO. In questi anni sono stati poi svolti una serie di studi e lavori che hanno permesso la promozione del progetto attualmente pronto per la candidatura alla fase finale di valutazione.

A settembre 2019 verrà inviata una versione preliminare del progetto al Ministero per i beni e le attività culturali che la invierà poi al Consiglio di Parigi. Il dossier è affidato ad un gruppo di lavoro costituito dal sindaco di Bologna Virginio Merola.

La consegna definitiva del dossier è prevista per febbraio 2020. Ma solo a febbraio 2021 la città avrà il responso finale.

Le origini dei portici bolognesi

portici bolognesi patrimonio dell'umanità
I portici bolognesi patrimonio mondiale

Le architetture dei portici bolognesi risalgono agli antichi greci e romani che crearono questi monumenti come luogo di riparo e decoro per tutta la città. I portici sono fin dal Medioevo la rappresentazione di luoghi di integrazione tra spazi civili e privati.

Siti UNESCO in Italia

L’Italia è il Paese con il maggior numero di patrimoni UNESCO al mondo. In totale i nostri siti sono 54 e spalmati su tutta la penisola. Numerosi sono i centri storici che rientrano nella lista, da Roma a San Gimignano; fino ai sassi di Matera e alle ville del Palladio in Veneto. Ed è anche per la sovrabbondanza di bellezze che il nostro Paese vanta, che l’Italia ha a disposizione una sola candidatura all’anno da presentare a Parigi.

Pietro Barone de Il Volo: “I portici a Bologna ti salvano”

A schierarsi a favore della nomina all’UNESCO sono stati Pietro Barone e Ignazio Boschetto due dei tre componenti del gruppo musicale Il Volo. Cittadini bolognesi a tutti gli effetti hanno assicurato la loro presenza a qualsiasi evento o iniziative organizzate a favore della candidatura.

In un articolo de Il resto del carlino Pietro Barone dichiara: “I portici a Bologna ti salvano. Io amo correre e praticamente da via Indipendenza fino a San Luca, anche con la pioggia, puoi spostarti protetto dai portici, alla grande. I portici rappresentano la bellezza di Bologna, una città unica che riesce a farti sentire a casa. E quello dei portici è come un abbraccio

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here