Bolivia: l’America Latina del Salar de Uyuni ed Amazzonia

0
329

Alla scoperta della Bolivia, Paese dell’America Latina ricco di risorse naturali, biodiversità, fauna, cultura, sport e paesaggi da incanto. Senza alcuno sbocco sul mare, una meta turistica nella nazione più vasta del Sud America. Tra le destinazioni da visitare: La Paz, l’Huayna Potosi, Coroico e la Via degli Yungas, Rurrenabaque, l’Amazzonia boliviana, il Lago Titicaca, il Salar de Uyuni, Sucre ed altre.

Bolivia: quali sono le caratteristiche principali?

Con un’estensione di superficie per 1.098.581 km², l’area del continente sud – americano, nei pressi delle Ande. Dal 1883, la Bolivia non presenta alcuno sbocco marino ed è il quinto Stato del Sud America più esteso. Mentre, la densità della popolazione, raggiunge solo i 10.631.486 abitanti, nelle stime risalenti dal 2014. Ad Est, il Brasile con i fiumi Madeira, Abuná, Guaporé, a Sud – Est il Paraguay nella divisoria della piana Chaco, mentre ad Ovest il Cile, il Perù e l’Argentina.

In gran parte, il territorio boliviano rimane all’interno delle due aree tropicali, di cui a Nord il Tropico del Cancro ed a Sud il Tropico del Capricorno. Per il deflusso marino, la Bolivia presenta dei bacini idrografici chiusi, che tramutano in diversi laghi e paludi. Invece, i fiumi principali appartengono al bacino americano del Rio delle Amazzoni, con la confluenza nel fiume brasiliano Rio Madeira.

All’interno delle valli andine, altri noti fiumi come il Rio de la Paz, della zona amazzonica boliviana, il Rio Ortón, il Rio Mamoré ed il Rio Guaporé. In quanto ai laghi, i bacini del Titicaca e del Poopó, con il primo di oltre 6000 km² di superficie. Nella fascia Nord – Ovest della Bolivia, la foresta equatoriale con la ricchezza di flora e fauna.

Mentre le condizioni climatiche sono variabili, con delle stazioni metereologiche nelle Ande, presso La Paz, Sucre e Cochabamba. A ragion per cui, nel Paese le informazioni climatiche sono approssimative, con temperature annue che si aggirano sui 9°C circa, sbalzi termici e piovosità. Inoltre, la prevalenza di grandine e temporali, nell’area orientale della Cordigliera di Cochabamba e la diminuzione delle piogge verso Nord e Sud.

Bolivia: La Paz e l’Huayna Potosi

Il Paese ha due capitali, ovvero Sucre e La Paz, di cui una legislativa e l’altra governativa. Con il centro di La Paz, un’altitudine di oltre 3000 metri, in cui i turisti necessitano di un adattamento al clima, per la sua esplorazione. Di fatto, la città presenta una struttura in prevalenza di salite, con centri commerciali e case coloniali, dai vicoli caratteristici.

Nel territorio circostante, Calle Jean e Calle Sucre, per osservare la storia dell’antica capitale con le case coloniali e la chiesa Iglesia di San Francisco. Inoltre, il Mercado de Hachiceria, una curiosa meta per i turisti che prosegue fino al centro cittadino e da qui, la degustazione della cucina locale. Per gli amanti dello sport, la pratica del trekking nella scalata dello Huayna Potosi, il monte popolare della Bolivia di 6088 metri, vicino alla capitale.

Bolivia: Coroico e la Via degli Yungas

Nei dintorni di La Paz, il villaggio di Coroico sulla vetta di un’area collinare, meta amata dai visitatori ed abitanti, per trascorrere in tranquillità il tempo libero. Qui, anche la Via degli Yungas, nota come carrettera mas peligrosa del mundo, luogo di passaggio tra montagne e pianure, intorno all’area fluviale del Rio delle Amazzoni. Di fatto, un percorso per la pratica sportiva della mountain bike, con la discesa che accompagna la vista panoramica dei paesaggi delle Ande.

Bolivia: Rurrenabaque e l’Amazzonia

Nelle escursioni dei turisti, la visita al centro cittadino di Rurrenabaque, base di partenza per l’esperienza di un viaggio, nell’Amazzonia boliviana. Da qui, numerosi ecosistemi e la scelta dei percorsi, tra la selva del Parque Nacional Madidi nella foresta, oppure la pampa della Reserva Biosferica del Beni. Nel primo caso, la difficoltà nel vedere gli animali, mentre nella seconda scelta, i turisti possono osservare facilmente la fauna acquatica, di cui i delfini rosa di fiume.

Il Lago Titicaca con l’Isla del Sol e Copacabana

Con il Lago Titicaca, la suddivisione di più di quaranta atolli, con i principali che sono l’Isla del Sol e l’Isla de la Luna, aree sacre per le popolazioni delle Ande. A fronte di ciò, la zona lacustre si trova ad un’altitudine di oltre 3800 metri, con la ripartizione lungo la Bolivia ed il Perù. Attraverso la città di Copacabana, i visitatori possono osservare sia l’area del lago che il centro urbano, nella cultura delle tradizioni religiose.

Il Salar de Uyuni, Potosi e le miniere d’argento

Per una superficie di circa 12000 km², il deserto di sale del Salar de Uyuni, nell’estensione dal primato mondiale. Sulle distese, gli strati di sale oltrepassano l’altezza dei dieci metri, con la copertura in superficie dell’acqua durante le piogge. A fronte di ciò, tra le mete più ricercate dai turisti per attrattive e fotografie, nel tour con auto 4×4 dalla partenza nella città di Uyuni.

Nel cuore della Bolivia, le zone montuose centrali, con la caratteristica Sucre, nota come la città bianca, dall’eleganza di abitazioni, chiese e giardini. Dal 1991, l’area urbana di Sucre è patrimonio dell’umanità dell’UNESCO e simbolo della Bolivia. Inoltre, il prestigio storico coloniale, dove la città bianca ospita il Museo de la Recoleta ed il Museo Textil Indigena. A Sud di Sucre, Potosi, importante cittadina per le caratteristiche miniere d’argento ed oltre ottanta chiese coloniali.