BMW M5 CSL: la specialissima che non è mai nata

La storia della versione potenziata della E60 con il motore V10

0
266
bmw m5 csl

Ci sono auto speciali che arrivano sul mercato e altre che, invece, rimangono nell’ombra. A quest’ultima categoria appartiene la BMW M5 CSL (nomenclatura ufficiosa), che la casa di Monaco sviluppò nel 2009 senza mai avviarne la produzione. Ed è un peccato, perché questa variante derivata dalla E60 offriva contenuti davvero top. Vi raccontiamo la sua storia, e le ragioni per cui BMW fece morire sul nascere questo ambizioso progetto.

Com’era fatta la BMW M5 CSL?

La base di partenza è la M5 in versione E60, che si caratterizzava per il mitico motore S85. Si trattava di un V10 aspirato da 5 litri, dal sound libidinoso e con 501 CV. Il motore era accoppiato dal cambio SMG sequenziale a sette rapporti, oppure da un manuale, cosa impensabile oggi. La M5 era tanto veloce ed emozionate quanto inaffidabile, come testimoniano le continue lamentele di clienti e le recensioni negative dei tester. Problemi ai cuscinetti, agli ingranaggi del cambio ed all’elettronica sono all’ordine del giorno sulla E60, e costosi da riparare. Ma torniamo alla CSL: cosa cambia?

Modifiche limitate ma sostanziali

In BMW lavorano sul propulsore, aumentandone la cilindrata da 5 a 5,5 litri. Per migliorare il raffreddamento dell’olio, hanno aggiunto un radiatore più grande, posizionato dietro al paraurti in zona targa. Di conseguenza, su quella parte i tecnici hanno inserito una presa d’aria, spostando il porta targa di lato. Ed è l’unica differenza estetica con la M5 base, rispetto alla quale non cambiava nulla. Il cambio SMG è sostituito da un doppia frizione, prodotto dalla Getrag, più robusto e veloce negli innesti. Il tocco finale è costituito dal tetto in carbonio, d’ispirazione M3 E92, per limare qualcosina dai 1800 Kg del peso standard. Prestazioni? Da urlo: le indiscrezioni parlano di 580 CV (600 secondo alcuni), e 540 Nm di coppia! L’accelerazione da 0 a 100 Km/h è stimata in 3.9 secondi, contro i 4.7 originali. Al Nürburgring si racconta che la CSL abbia girato 20 secondi più veloce della M5 base.

Perché BMW non ha prodotto la M5 CSL?

Tutto questo ben di dio, però, è rimasto allo stadio di prototipo. Ma perché BMW non ha messo in produzione un modello di sicuro successo? La casa non ne ha mai parlato, ma possiamo fare un’ipotesi. Lo sviluppo della CSL è del 2009, in occasione del 25esimo anniversario della prima M5. La vettura sarebbe arrivata sul mercato nel 2010, ad un anno di distanza dalla nuova versione della vettura, l’F10. A quel punto, i bavaresi hanno preferito impiegare le risorse per sviluppare il modello nuovo, invece d’insistere in un aggiornamento di quello vecchio. È un peccato, perché sarebbe stato bello vedere una CSL in azione.


BMW M2, la belvetta old style tornerà nel 2022