Blink 182: “Nine” il nuovo album – Recensione

0
657

Dopo l’onda del successo del 2016 con il loro ritorno e l’album “California”, i pionieri del Pop Punk famosi in tutto il mondo dei Blink-182 ritornano con il loro nuovo progetto discografico intitolato semplicemente “Nine“.

Californiani in tutto e per tutto, i Blink-182 si sono formati lì nel 1992 ed hanno dato il via ad un genere musicale tutto nuovo. Il loro debutto discografico risale al 1995 con Cheshire Cat, ma il grande successo è arrivato solo nel 1999 con l’album “Enema of the State” e grazie alla nudità che la band mostro nel video di What’s My Age Again? e ai singoli “Adam’s Song,” e“All the Small Things.”. Nel 2001, fu la volta di Take Off Your Pants and Jacket che ha continuato il successo raggiunto e poi consolidato con l’omonimo album del 2003.

Dopo l’enorme successo qualcosa è cambiato. Basti dire che c’è stata una rottura, una pausa e un grande cambio di schieramento con la perdita del socio fondatore Tom DeLonge. Nel 2016, la band è tornata meglio che mai con la già citata California, e un nuovo chitarrista / cantante sotto forma dell’eccezionale Matt Skiba degli Alkaline Trio.

Per il 2019, i Blink-182 nella formazione con il cantante e bassista Mark Hoppus, il chitarrista e cantante Skiba e il batterista Travis Barker, sperimentano alcuni nuovi suoni, esplorano toni più scuri e argomenti lirici più seri, ma continuano a creare quel Pop-Punk davvero contagioso. Il nono album in studio della band dal titolo appunto “Nine” è composto da 15 canzoni prodotte da vari artisti del calibro di John Feldmann, Tim Pagnotta e The Futuristics.

Mandy Moore il nuovo singolo è “When I Wasn’t Watching”

Il pop punk allegro e contagioso che conosci e ami apre Nine con “The First Time”, una celebrazione dei giorni spensierati della giovinezza e di tutte le loro innumerevoli scoperte. Hoppus e Skiba rimbalzano l’un l’altro perfettamente mentre Barker si intreccia intorno a loro per ancorare il divertimento con la sua eccezionale batteria. Questo porta a “Happy Days”, una speranza che, nonostante la frustrazione e il terrore scomparirà.

Il basso è il fulcro del malinconico “Heaven”, dove Skiba è nel suo elemento. Qui, la band osserva intensamente la violenza armata, in particolare all’interno delle scuole e il crescente pericolo per gli studenti che semplicemente frequentano le lezioni. Successivamente, è la volta dell’accattivante “Darkside” brano che punta su argomenti più allegri, anche se si tratta di una donna con una serie di vizi. Nel frattempo, l’autobiografica ” Blame It On My Youth ” inietta l’arguzia nel suo sguardo indietro del tempo verso le debolezze della giovane età.

Amplificandolo a un ritmo frenetico, in poco meno di un minuto “Generational Divide” riesce ancora a fornire un po’ di spunti di riflessione: oggi è davvero meglio o ci stiamo solo prendendo in giro? Mentre mediti su questo, il trio inietta alcuni elementi Hip Hop leggeri nel brano, “Run Away”, uno sguardo all’interno del rapporto che è all’interno di una relazione movimentata. In effetti, gran parte di Nine è gravato da canzoni relazionali, sebbene non ne esistano mai due identiche.

L’esperimento “Black Rain” inizia come una canzone e poi si fonde in un’altra, una transizione eccezionalmente abile che consente al trio di fondere la melanconia della perdita personale con la frenetica batteria di Barker. Questo spiana la strada alla confessione “I don’t really like myself without you” che apre l’ode smussato “I Really Wish I Hated You ”. E per seguire questa ammissione tristemente divertente la band ha creato il brano “Pin the Grenade”, una sorta di appello che serve a mentire ai loro volti e ucciderli lentamente.

L’amore diventa aspro nella straziante storia di “No Heart to Speak Of” prima che si lancino in un’altra breve tregua, “Ransom”, che racconta la storia veloce degli innamorati che si incontrano e cadono in un amore criminale. Una relazione estranea a New York è ancorata al thrum del basso nell’adeguatamente brano “On Some Emo Shit”, che spiana la strada per una nuova sperimentazione.

E questa nuova sperimentazione si sente con ritmi elettronici sulla sognante ballata “Hungover You”, che si trasforma in un potente muro di suoni. Un’altra canzone che parla di una relazione. Alla fine, terminano il nuovo album la toccante “Remember For Forget Me”. Una lettera che un figlio scrive a sua madre mentre il ragazzo si mette in viaggio, qui il trio abbina una delicata chitarra acustica con testi struggenti per terminare l’album in un momento emotivamente forte.

Sarebbe facile per una band come i Blink-182 sedersi sugli allori e non alterare mai il loro suono: la loro fan base è sempre numerosa e il loro nome è sempre ai piani alti del loro genere musicale.  Bisogna ammettere che in “Nine” il trio di musicisti ha creato un album diverso dal loro standard. Voto 4/5.

ACQUISTA NINE

NINE [Explicit]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here